Politica Gallipoli

Mercato e trinceroni, un piano per i nuovi parcheggi

Gallipoli, espropriati tre lotti di terreno per ampliare le aree di sosta della zona mercatale di via Alfieri. Ritorna in auge anche la copertura dei sovrappassi ferroviari per creare zone posteggio

La zona del mercato settimanale di via Alfieri.

GALLIPOLI - Più parcheggi e servizi tra le bancarelle del nuovo mercato settimanale di Gallipoli. E' tempo di accelerare, e più in generale l'amministrazione comunale cercherà di portare in porto un vero e proprio piano parcheggi per ampliare le zone destinate alla sosta delle auto in città. Un'esigenza da sempre avvertita e solo in parte arginata dopo la realizzazione dell'ampio parcheggio dell'area prospiciente il cimitero in via Francesco Zacà (per altro attualmente occupato per buona parte dai giostrai). Molto presto lasciare l'auto in sosta e dedicarsi allo shopping del mercoledì nella nuova area mercatale di via Alfieri sarà molto più agevole. Anche se l'iter è ancora nella fase progettuale ed è legato all'azione di esproprio di tre ampie zone di terreno che insistono nella zona a sud di via Alfieri. Il tutto è legato a quanto stabilito dall'assise comunale già nei primi mesi del 2010 e quando in carica erano ancora i vecchi assessori Giuseppe Barba e Sarino Spada.

Il massimo organo collegiale cittadino aveva infatti già approvato la proposta di progetto in variante al Prg comunale, chiedendo contestualmente alla Regione l'autorizzazione ad intervenire in deroga al Putt. Più sinteticamente, la scelta dell'esecutivo in materia di Lavori Pubblici punta alla realizzazione di un congruo numero di nuovi parcheggi a servizio dell'area mercatale, tramite l'esproprio dei tre lotti di terreno che attualmente limitano l'estensione integrale del mercato. Un iter a cui il nuovo assessore al ramo, Biagio Palumbo, ha dato un nuovo impulso. Si tratta di uno dei primi interventi previsti anche nel nuovo Piano delle Opere Pubbliche e che per l'implemento dei parcheggi attualmente a disposizione dell'area mercatale prevede un impegno di spesa di 300mila euro. La scelta dell'amministrazione comunale nasce anche dalla volontà di rendere l'intera area più funzionale alle esigenze del mercato, dando all'area stessa una regolarità anche visiva, che oggi non vi è a causa della presenza dei terreni privati. Un implemento di servizi, pertanto, a vantaggio dell'area mercatale e più in generale della città.

E per completare la richiesta di aree parcheggio appannaggio della città torna in auge anche un vecchio programma d'intenti avviato dal Comune con le Ferrovie del Sud Est e poi temporaneamente messo in soffitta per le "perplessità" della Direzione Esercizio. Si tratta di una vasto programma di intervento generale di chiusura dei trinceroni ferroviari che attraversano la città (e in particolar modo della zona ricompresa tra via Reggio Calabria e il lungomare Marconi) per creare nuove zone parcheggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato e trinceroni, un piano per i nuovi parcheggi

LeccePrima è in caricamento