Domenica, 19 Settembre 2021
Politica

"Mi dividerò tra Gallipoli e la Provincia": Minerva festeggia la proclamazione

Il sindaco, eletto presidente della Provincia, ha ringraziato Gabellone ed ha annunciato la priorità: le scuole. "La coalizione allargata alle forze civiche è forte"

LECCE - “A 32 anni sono già sindaco di una città importante e non avrei mai creduto che, così giovane, sarei diventato presidente della Provincia di Lecce”. Con queste parole Stefano Minerva, già primo cittadino di Gallipoli, si è insediato sullo scranno più alto di Palazzo dei Celestini.

La proclamazione si è svolta questa mattina a Lecce. Antonio Maria Gabellone, dopo 9 anni alla guida dell’ente, ha passato il testimone al suo successore, augurandogli buona fortuna: “Rimangono molti progetti aperti e numerose sono le criticità da superare ma il sindaco, con il vigore e la passione che gli vengono riconosciute, saprà certamente far bene”.

L’esortazione di Gabellone è di tenere un occhio di riguardo sulle sorti della società partecipata Alba Service, ma Minerva ha individuato già la sua priorità nella scuola, dai servizi all’edilizia.  

“Intendiamo costruire luoghi sicuri in cui formare le nuove generazioni, per dare slancio e far ripartire il territorio – ha chiosato -. Sono stato scelto per avviare un ricambio generazionale nel centrosinistra; proverò a prendere ciò che di buono è stato fatto in questi anni in Provincia e rilanciare l’ente dopo le difficoltà e il depotenziamento determinato dalla legge Delrio”.

“La coalizione si è dimostrata unita, forte e coesa (Udc, Partito Democratico, La Puglia in più, Sinistra Italiana, Leu) e allargata alle forze civiche, come quella del vicesindaco di Lecce, Alessandro Delli Noci, che si sono riconosciute nel programma elettorale. Siamo tante anime, ma con un cuore solo, che viaggiano nella stessa direzione”, ha aggiunto.

Minerva ha sgombrato il campo dai dubbi sul suo doppio incarico, spiegando che l’immagine di Gallipoli e la centralità del suo ruolo in provincia uscirà rafforzata. “Il mio ruolo di sindaco non sarà indebolito e la Città Bella tornerà ad essere protagonista sul territorio dopo anni bui. Del resto io sono giovane, ho passione e coraggio, dormo poco, non toglierò tempo e spazio a Gallipoli ma dedicherò la mia vita a questi 2 enti, per il bene del territorio”, ha concluso il nuovo presidente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mi dividerò tra Gallipoli e la Provincia": Minerva festeggia la proclamazione

LeccePrima è in caricamento