Elezioni europee: per Minerva seggio possibile con 60mila preferenze

Il dirigente gallipolino, che è il più giovane candidato del Pd in tutta Italia, ha incontrato i cronisti presso la federazione provinciale. E' l'unicosalentino in lista e il partito lo dovrebbe sostenere senza defezioni

LECCE – Ci vorranno circa 60mila preferenze per portare Stefano Minerva nel Parlamento europeo. L’esponente del Pd, originario di Gallipoli,  è il più giovane candidato del partito di Matteo Renzi alle elezioni di maggio e questo primato, se opportunamente “agitato, potrebbe essere un elemento in più a suo favore.

Non sarà affatto facile, data l’ampiezza della circoscrizione Sud, ma Minerva potrà contare sulla mobilitazione dei Giovani democratici, di cui è delegato nazionale per il Mezzogiorno, oltre che sul sostegno di tutto il partito a livello territoriale. Si possono esprimere fino a tre preferenze ed almeno una deve essere per una donna.

E’ l’unico candidato salentino e i conti si fanno presto. Il voto per le Europee, peraltro, sarà associato a quello per le amministrative. Si vota in 29 comuni e il centrosinistra parte in netto svantaggio. Il segretario provinciale, Salvatore Piconese, ambisce a migliorare il dato delle nove amministrazioni attualmente “colorate” di rosso.

La presentazione ufficiale è avvenuta questa mattina presso la federazione di via Tasso, alla presenza, oltre che di Piconese, anche del vicesegretario, Vincenzo Toma, del responsabile provinciale dei Giovani democratici, Luciano Marrocco, e di altri esponenti e amministratori locali del Pd.

La candidatura di Stefano Minerva, come raccontato nei giorni scorsi, è stata messa nero su bianco solo una volta che è stato risolto il giallo che lo aveva improvvisamente escluso dal lotto dei diciassette a vantaggio di un consigliere regionale della Campania. Per rovesciare questa decisione della Direzione nazionale si sono mobilitati i deputati salentini, gli esponenti regionali del partito ed è stata lanciata anche una raccolta di firme on-line. Ma è stato il passo indietro di Michele Emiliano a liberare un posto e a far scorrere la lista. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “L’eredità”, Massimo Cannoletta tra bottino intascato e critiche sul web

  • Percepiva il reddito di cittadinanza, ma nascondeva in casa 625mila euro

  • Maltempo sul Salento: coperture divelte da una tromba d’aria volano in strada

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento