Venerdì, 23 Luglio 2021
Politica

Il Ministero boccia la sanità pugliese, Udc: “Fallimento politico di Vendola”

Per Negro, i dati diffusi dal dicastero per gli anni 2011 e 2012 e che vedono la regione agli ultimi posti con Calabria e Campania dimostrerebbero come nulla sia cambiato nel sistema, lasciando inalterati i problemi reali

Rianimazione Gallipoli (repertorio)

LECCE - “I dati diffusi dal ministero hanno bocciato il sistema sanitario pugliese insieme a quello della Campania e della Calabria. In nove anni di governo Vendola nulla è cambiato nella sanità della Puglia, probabilmente perché troppo spesso si è pensato di restare lontani dai problemi della gente, senza controllare cosa avveniva realmente nelle asl e nelle strutture sanitarie”.

Lo ha detto il presidente del gruppo regionale Udc, Salvatore Negro, commentando la classifica del ministero realizzata sulla base di 21 indicatori riguardanti i dati diffusi dal Ministero della Salute sui punteggi ottenuti dalle Regioni negli anni 2011-2012 rispetto alla griglia Lea (livelli essenziali di assistenza), costruita attraverso indicatori che misurano quantitativamente le prestazioni sanitarie.

La classifica vede agli ultimi tre posti la Calabria, la Puglia e la Campania: “È paradossale che questo sia il risultato di un Governo che ha avuto grandissima parte di consenso proprio sulla denuncia delle criticità nella sanità – ha sottolineato il capogruppo Udc – Il governo regionale che non può pensare di andare nelle piazze o in conferenza stampa a dire di essere fiero del lavoro svolto perché i giudizi del Ministero e soprattutto la percezione degli utenti è quella di una sanità ancora lontana dal dare le risposte che i cittadini vorrebbero”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Ministero boccia la sanità pugliese, Udc: “Fallimento politico di Vendola”

LeccePrima è in caricamento