Lunedì, 25 Ottobre 2021
Politica

Affaire Xylella, il ministro Martina nel Salento: incontro con sindaci e produttori

La decisione annunciata ieri dalla Francia di chiudere le frontiere alle importazioni di vegetali dalla Puglia è una tangibile dimostrazione della delicatezza della questione in chiave commerciale. Mercoledì prossimo l'esponente del governo sarà a Lecce

LECCE – Per la prima volta da quando è esplosa in tutta la sua gravità la questione del complesso del disseccamento rapido dell’ulivo, il ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, sarà a Lecce per incontrare i sindaci del territorio e le associazioni degli agricoltori. L’annuncio è stato dato dai parlamentari salentini Salvatore Capone e Teresa Bellanova, sottosegretaria al Lavoro e alle Politiche Sociali nel governo di Matteo Renzi.

La decisione unilaterale della Francia di chiudere alle importazioni vegetali dalla Puglia ha fatto comprendere a tutti come in atto ci sia oramai anche uno scontro con evidenti implicazioni commerciali e concorrenziali. L’Italia ha fatto sapere che difenderà in sede comunitaria i propri interessi nazionali. L'esponente del governo ha così acconsentito a concludere nel capoluogo salentino la visita nella regione, già programmata.

“La decisione assunta dal ministro francese Le Foll circa il blocco delle importazioni di piante dalla Puglia – ha dichiarato Teresa Bellanova - è di estrema gravità e già il governo, per voce del ministro Martina, ha dato una prima, inequivocabile risposta. Naturalmente dinanzi ad una situazione che sembra aggravarsi di ora in ora il filo diretto con gli uffici del ministero si è ulteriormente rafforzato e in queste ore proprio il ministro Martina ha confermato che mercoledì prossimo concluderà la sua visita in Puglia a Lecce incontrando i sindaci e le associazioni degli olivicoltori”.

“Già nelle scorse settimane - ha sottolinea  Salvatore Capone - avevamo più volte evidenziato al ministro l’opportunità di una sua presenza in Puglia e nel Salento. Visita che adesso diviene a maggior ragione necessaria anche perché ci troviamo dinanzi ad una situazione che minaccia di avvitarsi micidialmente su se stessa con un esito che rischia di essere devastante. Ecco perché non credo sia retorico chiedere a tutte le parti in causa una grandissima saggezza. In gioco non è infatti il punto di vista degli uni o degli altri, ma il futuro di una terra”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Affaire Xylella, il ministro Martina nel Salento: incontro con sindaci e produttori

LeccePrima è in caricamento