Attilio Monosi a un passo dalle dimissioni: pronto a lasciare l'aula consiliare

Come già fatto da Luca Pasqualini, anche l'altro esponente della precedente giunta coinvolto nell'inchiesta sulle case popolari si prepara a lasciare il ruolo di consigliere

L'ufficio Protocollo del Comune di Lecce.

LECCE - Dopo le dimissioni di Luca Pasqualini dalla carica di consigliere comunale, anche Attilio Monosi ha deciso di seguire la stessa strada: in queste ore sta espletando la procedure per formalizzare il suo passo indietro che con ogni probabilità verrà formalizzato entro la seduta di consiglio convocata per venerdì mattina. Entrambi raggiunti da un'ordinanza di custodia cautelare in regime di arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta sulla gestione degli alloggi popolari di Lecce, sono stati assessori della giunta dal 2012 al 2017 (nel caso di Monosi dal 2007).

Nell'interrogatorio di garanzia con il giudice per le indagini preliminari Giovanni Gallo, fissato per lunedì, Monosi, che è assistito dagli avvocati Luigi Covella e Riccardo Giannuzzi, si è avvalso della facoltà di non rispondere avendo già partecipato ad un lungo interrogatorio in fase di indagini. Monosi è coinvolto anche in un'altra inchiesta, quella sui presunti illeciti legati all'associazione Antiracket Salento: in questo caso è tra gli imputati a processo con rito ordinario, per lui l'accusa è di peculato e truffa. Il 12 maggio del 2017, mentre venivano eseguite quattro ordinanze di custodia cautelare, gli venne notificata una interdittiva di dodici mesi dai pubblici uffici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

monosi_documenti-2Al posto di Pasqualini e Monosi subentrano in via definitiva nell'assise cittadina Carmen Tessitore e Giordana Guerrieri, prime candidate non elette della lista Direzione Italia, la più votata con il 17,45 per cento alle ultime elezioni amministrative. Tessitore, che è stata vice sindaco fino al gennaio 2016, ha ottenuto 564 voti, mentre Guerrieri, consigliera di Grande Lecce nella consiliature precedente, aveva ricevuto 557 preferenze. Per il momento resta invece temporanea la surroga che vede Paola Leucci subentrare come supplente, nei banchi occupati dal Pd, ad Antonio Torricelli, anch'egli raggiunto dalla misura degli arresti domiciliari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento