Venerdì, 30 Luglio 2021
Politica

Monta la protesta degli addetti ai servizi pazienti oncologici Asl di Lecce

Il prossimo 31 maggio scadrà il contratto dei lavoratori nel progetto di sostegno ai pazienti oncologici: l’Usb chiede garanzie ed, intanto, organizza un sit-in per martedì prossimo presso la sede della direzione generale

LECCE - La Confederazione sindacale dell’unione sindacale di base - Federazione di Lecce – annuncia un nuovo presidio di protesta per il 29 maggio, a partire dalle 9, nei pressi della palazzina della direzione generale della Asl di Lecce, a cui parteciperanno i lavoratori impegnati nel progetto “sostegno ai pazienti oncologici”.

“La protesta si rende necessaria – come sottolineano i rappresentanti sindacali, Gianni Palazzo e Salvatore Caricato, in quanto il 31 maggio prossimo ai lavoratori scade il contratto di lavoro ed allo stato attuale non è stato comunicato quali iniziative si vogliono intraprendere per garantire la continuità del rapporto di lavoro ma soprattutto quale servizio di assistenza si vuole svolgere ai pazienti oncologici”.

A tal proposito, si segnala che, negli incontri avuti presso la Regione Puglia, assessorato al Welfare, il 10 maggio scorso, si era concordata la necessità di proseguire con il servizio anche se affidato ad aziende private operanti nel settore, che avrebbero provveduto mediante l’applicazione della clausola sociale a utilizzare tutti gli attuali operatori, Oss ed autisti.

“Tutto questo – precisano - non è allo stato attuale accaduto in quanto ai lavoratori interessati non sono state comunicate le indicazioni necessarie per proseguire l’attività, nonostante la sottoscrizione del verbale di accordo a livello regionale”.

Allo stesso presidio di protesta parteciperanno e saranno presenti gli autisti destinatari dell’applicazione della ex legge 68 del 1999, i quali “hanno il diritto, viste le carenze dell’azienda sanitaria di Lecce certificate dalla competente autorità, ad essere assunti a tempo indeterminato da parte della stessa”: “Per quanto sopra – spiegano dall’Usb - chiediamo un immediato e fattivo intervento per risolvere l’annosa vertenza comunicando sin da ora che in caso contrario saranno messe in atto iniziative di lotta anche a livello regionale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monta la protesta degli addetti ai servizi pazienti oncologici Asl di Lecce

LeccePrima è in caricamento