Politica

Monteroni: si dimette il sindaco Guido. Sfiduciato da nove consiglieri comunali

"Comunico alla cittadinanza tutta le mie dimissioni dalla carica di sindaco della città di Monteroni di Lecce". Con questo lapidario messaggio lanciato alle 11,57 su Facebook, Lino Guido si accomiata. La sfiducia di quattro consiglieri del gruppo misto di maggioranza e di cinque di minoranza

MONTERONI DI LECCE - “Comunico alla cittadinanza tutta le mie dimissioni dalla carica di sindaco della città di Monteroni di Lecce”. Con questo lapidario messaggio lanciato alle 11,57 su Facebook, Lino Guido si accomiata dai monteronesi.

L’atto notarile è già stato firmato e depositato presso la Casa comunale. A Monteroni cade la giunta, dunque, e a sfiduciare il primo cittadino sono stati nove consiglieri comunali. Si tratta di Antonio Madaro, Sonia Martino, Cosimo Quarta, Maria Linciano e Tommaso Leucci del gruppo di minoranza e di Antonio Pezzuto, Giorgio Manfreda, Chiara Marini e Paolo Vadacca della maggioranza, questi ultimi tutti aderenti al gruppo misto.

Nelle prossime ore, forse, si avrà il quadro completo della situazione. L’ormai ex sindaco potrebbe convocare una conferenza stampa per fornire la sua versione su quali siano i nodi venutisi a creare. Così come dall’altro versante si attendono a breve dichiarazioni.

Di certo, Guido non ha mai avuto vita semplice. Anche nel 2011 fu sfiduciato ma per un’inadempienza burocratica la Prefettura bloccò tutto. Più di recente, nell’ottobre del 2012, si dimise dopo alcune scottanti inchieste giudiziarie che lambirono anche il Comune da lui governato, pur dichiarandosi del tutto estraneo e parlando di “isolamento istituzionale”.

Le sue dimissioni furono seguite da quelle di vari consiglieri (alcuni dei quali erano finiti nelle inchieste della Procura per vicende riguardanti appalti e usura). Il 6 novembre, però, la decisione di ritornare in carica, a suo dire sotto la spinta della richiesta dei cittadini e volendo allontanare ogni sospetto riprendendo in mano le redini. Ora, però, l’avventura sembra davvero terminata. 

“Il nostro non è un discorso distruttivo, ma è meglio andare alle elezioni di primavera e ripartire”, commenta Antonio Madaro, capogruppo di Monteroni Bella, la lista con cui è stato eletto. “Nell’ultimo anno e mezzo non s’è mosso davvero nulla. Il sindaco ha manifestato disinteresse per la città. Vi sono avanzi di amministrazione, c’è capacità di spesa, ma, per dirne una, non è stato riparato un solo marciapiede davanti alle scuole, pur con fondi in bilancio per 20mila euro”. Insomma, si lamenta immobilismo, ma tutto s’inquadra anche nei sommovimenti politici in atto, con le regionali in vista e l’accordo politico in dirittura d’arrivo con l’area di centro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monteroni: si dimette il sindaco Guido. Sfiduciato da nove consiglieri comunali

LeccePrima è in caricamento