Politica

L’associazione MoviMenti: “Lotte fratricide, il centrodestra non impara la lezione”

“Si replica il dramma che ha portato all’ultimo, sconfortante risultato elettorale”, scrivono dal movimento civico

Alcuni componenti di MoviMenti.

LECCE – Alcuni personaggi politici occuperebbero la scena da protagonisti, lasciando agli altri il ruolo di semplici comparse. E peraltro senza ombra di programma condiviso. L’accusa, maturata all’interno delle lotte fratricide nel centrodestra - spaccato sull'ipotesi primarie, sostenute dal "tripartito"- partono questa volta dall’associazione MoviMenti. Lo scopo comune, fanno sapere i suoi portavoce, non deve essere “vincere le elezioni” ma “ben governare” una città che “chiede un rinnovamento forte, nel metodo e negli uomini”.

“Si replica, sin dalle prime battute, il dramma che ha portato all’ultimo, sconfortante risultato elettorale, battaglia persa, come molte altre, nel perenne scontro tra inutili personalismi, contro i quali nulla ha potuto il sovrumano impegno profuso, controcorrente, dal candidato (nominalmente) di coalizione Mauro Giliberti, distillato in un programma ambizioso (negli obiettivi), serio (nelle coperture) e coerente (nelle proposte), in una parola visionario. E forse proprio per questo inascoltato”, scrivono in una nota indirizzata alla stampa.

“Abbiamo partecipato alle riunioni di coalizione, nella speranza di poter portare al tavolo del confronto le nostre idee e il nostro impegno, nel superiore interesse della Città e dei suoi cittadini. Dunque anche nostro, che di questa Città rappresentiamo parte del tessuto connettivo, fatto di professionisti e imprenditori seri e operosi. Non abbiamo trovato neppure il tavolo”, proseguono. A detta dei portavoce, nell’opera “primarie non primarie” reciterebbero  “un vecchio copione stantio e, tra inutili protagonismi e citazioni del manuale Cencelli, nella loro autoreferenzialità non si avvedono che il pubblico, lentamente, abbandona la sala, in cerca di rappresentazioni più fresche e moderne, adatte (almeno nei titoli) alla rinnovata sensibilità degli spettatori.

Il preteso “tavolo di confronto” in corso è univocamente indirizzato ad una sola questione, la scelta del candidato sindaco e, suo tramite, la composizione di una eventuale futura Giunta. Insomma, a stabilire i “rapporti di forza” tra le forze alleate. Quello che dovrebbe fondare l’alleanza, ossia un programma condiviso, non viene neanche menzionato: la visione di città che dovrebbe orientare la futura azione di governo di chi si propone alla guida dell’amministrazione comunale aleggia sullo sfondo, traslucido fantasma senza voce”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L’associazione MoviMenti: “Lotte fratricide, il centrodestra non impara la lezione”

LeccePrima è in caricamento