Politica

Sgm e Lupiae Servizi: Perrone insiste sullo stop al rinnovo dei vertici

Il consigliere di Direzione Italia presenta una mozione. Il 20 ottobre è scaduto il termine per la presentazione delle candidature

Paolo Perrone.

LECCE – Non toccate gli amministratori di Lupiae Servizi ed Sgm. Il consigliere di Direzione Italia, Paolo Perrone, torna a spada tratta a difesa dei vertici delle due società partecipate dal Comune di Lecce. Lo fa con una mozione da discutere in consiglio comunale, chiamando a raccolta gli altri esponenti dell’opposizione.

Il sindaco, Carlo Salvemini, è fermamente intenzionato a procedere alla selezione e nomina di nuovi vertici: l’attuale amministrazione comunale vuole una svolta che rappresenti la discontinuità con la precedente, guidata proprio da Perrone, che procedette alla scelta degli amministratori attingendo alla propria area di riferimento.

Sono stati già pubblicati due avvisi da Palazzo Carafa: il secondo si è reso necessario dopo che il primo era stato bloccato dal Tar Puglia per alcuni vizi di formulazione. Era fissato a venerdì scorso il termine ultimo per la presentazione delle candidature.

Salvemini sin da questa estate ha chiesto le dimissioni ai consiglieri delle partecipate che fanno capo al socio di maggioranza – tre per Sgm, l’amministratore unico per Lupiae -, ma l’invito non è stato accolto. In tutta risposta è partito un ricorso alla giustizia amministrativa, sostenuto politicamente dall’azione del centrodestra che oggi rilancia il tema facendo sponda anche sulla vicenda del premio di maggioranza, finito nelle aule del Consiglio di Stato che il 9 novembre si esprimerà sulla richiesta di sospensiva del verdetto del Tar. In prima istanza infatti è stata accolta la tesi per la quale l’attribuzione del premio alla coalizione di Salvemini è stata contraria alla normativa elettorale in vigore.

“È auspicabile quindi che Salvemini – commenta l’ex sindaco - non proceda alla loro revoca. Aggiungerei che, in ogni caso, su questa materia sarebbero utili l’esame e l’adozione di nuovi criteri da parte del Consiglio comunale, non potendosi fare riferimento ad una delibera del 2004”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgm e Lupiae Servizi: Perrone insiste sullo stop al rinnovo dei vertici

LeccePrima è in caricamento