Politica

Arriva “La Voce di Lecce”, impegno civico rivolto alla crescita del capoluogo

Tra i fondatori c’è Alfredo Prete, imprenditore leccese e per anni presidente della Camera di commercio. Con lui, tanti altri nomi della vita sociale e commerciale del capoluogo

LECCE – Tra i fondatori c’è Alfredo Prete, imprenditore leccese e per anni presidente della Camera di commercio. Con lui, tanti altri nomi della vita sociale e commerciale del capoluogo. È “La Voce di Lecce”, nuova realtà civica, che ha iniziato a prendere le mosse da poco più di due mesi e che questa mattina alle 10 si è ufficialmente presentata al pubblico, in un incontro avvenuto alle 10 presso il Bar Raphael, in piazzetta Alleanza. Presidente, proprio Prete, che ha voluto presentare la sua formazione organizzativa e gli eventi che si appresterà a realizzare nei prossimi giorni.

“Il progetto, nato da un’idea comune e condivisa - afferma Alfredo Prete -, vuole mettere assieme istanze e idee propositive da proporre e realizzare nei prossimi anni. Assieme agli altri tre fondatori, Mauro della Valle, vicepresidente con delega al turismo e blue-economy, Paola Bruno, segretaria con delega alle politiche comunitarie e Tonia Erriquez, responsabile comunicazione e strategia con delega alle politiche sociali-benessere (welfare) sociale-contrasto alla povertà, lavoro ed emergenza sociale, siamo riusciti a coinvolgere da subito professionisti e non, artigiani, disoccupati e una buona fetta di giovani interessati alle politiche giovanili, mettendo su una corona di nomi e volti noti della storia di Lecce”.

“Questo, per fa comprendere - continua Mauro Della Valle, vicepresidente - che le competenze legate alle proprie esperienze faranno e saranno il vero da leitmotiv di questo nutrito gruppo che sta crescendo in entusiasmo e relazioni, ogni giorno raggiungendo in soli due mesi mezzo, sui social, ben oltre 4mila like di gradimento”.

Nel gruppo costitutivo vi sono, fra gli altri, Gian Gaetano Caiaffa, tesoriere con delega a sport e legalità, Filippo Montinari con delega all’urbanistica, tutela del territorio e benessere urbano, Nunzio Prete con delega all’ambiente-igiene e sanità, Alessandro Perrone con delega all’artigianato, fiere e mercati. Ancora: Danilo Stendardo per commercio, movida, benessere, centro storico, Alessandra Della Tommasa con delega alla logistica, Diego Palumbo per la sicurezza, Mariella De Salvatore con delega a cultura e patrimonio, Simona Greco con delega a spettacolo, politiche giovanili e cultura, Roberta Stocchetti con delega a servizi al cittadino, ambiente e logistica.

“Nel corso di questi mesi – afferma Paola Bruno – abbiamo voluto coinvolgere uomini e donne che potranno solo dare un valore aggiunto al progetto che ci auguriamo diventi fondamenta per un nuovo modo di fare civismo attivo. Siamo riusciti – continua - a coinvolgere gente fino ad ora scevra dalla politica di palazzo ma che della stessa conosce benissimo la burocrazia e le lungaggini contorte e gente che ha avuto a che fare con competizioni ed impegno politico che hanno contribuito con la loro credibilità e grande attivismo civico”.

0158a42e-ce6a-425c-9d7b-6c2d48064735-2

“In questo contesto storico difficile e contorto -  afferma Tonia Erriquez - in cui si è sempre pensato ad ottenere consenso elettorale e mai a dare voce al cittadino che lo si chiama solo per espletare il suo diritto al voto senza proporre alcun programma e vedendone realizzati pochissimi, ci siamo sentiti chiamati non ad un diritto, ma ad un unico dovere: di presentare un giusto futuro ai nostri figli che altro non desiderano che vivere in una città ricca, fiorente, dedita al commercio, alla cultura e a politiche rivolte al progresso e alla realizzazione dei loro tanti progetti che spesso per vederli realizzati devono volare su altri lidi territoriali”.

“Proprio per questo, il nostro impegno – riprende parola Prete -, è mirato al patrimonio culturale e all’amore per la nostra terra che tanto ci ha donato e molto spesso noi stessi l’abbiamo delusa. La nostra petizione per la tutela del Molo di Adriano presente a San Cataldo e i nostri prossimi impegni saranno legati esclusivamente al territorio. Domenica 27 giugno il settore artigianato, mercati e fiere, capitanato da Alessandro Perrone ci vedrà impegnato a San Cataldo presso il piccolo Ranch già dalla mattina con una zona destinata agli artigiani ed alle loro esposizioni artigianali”.

“Un modo per coinvolgere famiglia e impresa locale - afferma Alessandro Perrone - con lo scopo di far comprendere che entrambe fanno da sostanza economica ed imprenditoriale. La classica frase – continua Perrone “di padre in figlio” non deve essere scaramantica ma la reale certezza che ai giovani si dia la possibilità di continuare a fare impresa artigianale seguendo le orme dei padri ma anche le esigenze legate all’innovazione e alla tecnologia”.

“Seguirà il 4 luglio sempre a San Cataldo - continua Prete- una giornata di visite gratuite presso il Molo di Adriano grazie alla collaborazione con l’archeologa Mariangela Sammarco che illustrerà lo stato dei luoghi legato alla storicità del molo stesso, patrimonio che vogliamo venga restaurato e riportato allo splendore di cui vantava anni addietro”.

Ultima novità della Voce di Lecce è il numero WhatsApp attivo 24 ore per i cittadini che vorranno esporre con foto o altro le loro istanze legate alla città. Si potrà contattare il 3773404998 o inviare una mail a lavocedilecce@gmail.com.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva “La Voce di Lecce”, impegno civico rivolto alla crescita del capoluogo

LeccePrima è in caricamento