No al declassamento del centro analisi del distretto sanitario di Martano

Continua la mobilitazione dei cittadini per un punto di riferimento territoriale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LeccePrima

Resoconto Assemblea Cittadina del 21.01.16 “No al declassamento del Centro analisi del Distretto Sanitario di Martano”

Continua la mobilitazione dei cittadini di Martano e dei paesi afferenti il suo Distretto Sanitario contro il declassamento del Centro analisi, effettuato con delibera n. 1929 del 30.11.2015 della Direzione Generale dell’ASL Lecce. Il giorno 21 gennaio L' Amministrazione Comunale di Martano ha convocato un’ASSEMBLEA PUBBLICA per discutere e partecipare con i cittadini del Distretto le prossime azioni per continuare ad esprimere la propria contrarietà al declassamento. In una sala convegni “Karol Wojtyla” piena di partecipanti, dai consiglieri regionali ai sindaci e rappresentanti dei Comuni del Distretto, dalle associazioni territoriali agli operatori del settore e ai privati cittadini, i numerosi interventi che si sono susseguiti hanno avuto un comune filo conduttore: la qualità del servizio sanitario offerto dall'ASL di Martano ed in particolare del suo Centro Analisi.
Il Distretto Socio-Sanitario di Martano sul territorio dell’Asl provinciale di Lecce essendo l’unico distretto “puro”, sprovvisto cioè di Strutture Ospedaliere e di Strutture Private Accreditate dalla sua nascita, funge da filtro della domanda sanitaria. Il Poliambulatorio di Martano, con la sua presenza ed attività sul territorio, con un corretto ed appropriato uso delle risorse strutturali, tecnologiche e professionali, ha fatto e fa registrare il più basso tasso di ricoveri ospedalieri e i costi pro-capite più bassi di tutta la provincia di Lecce con 20 Euro pro-capite rispetto ai 40 Euro di tutti gli altri Distretti Asl (numeri da record).
Tutti i partecipanti ed in primis i Sindaci dei Comuni del Distretto, hanno ricordato la centralità del Centro analisi come punto di riferimento per il territorio. Riferimento imprescindibile in questi ultimi trent’anni e fondamento per lo sviluppo di tutti i servizi nati e cresciuti nel Poliambulatorio, che lo hanno reso esempio di sanità sul territorio e pioniere delle varie leggi di riordino sanitario emanate dalla Regione Puglia negli ultimi quindici anni. Tutti hanno concluso che la presenza del Centro Analisi come punto di riferimento per lo sviluppo del Poliambulatorio di Martano alla luce dell’ampliamento e del potenziamento dei servizi del Distretto, assicurati a suo tempo dalla stessa Direzione Generale dell’ASL Lecce, diventa ancora più imprescindibile. La famigerata delibera n. 1929 del 30.11.2015 privando il Poliambulatorio del suo Centro Analisi di fatto lo colpisce al cuore e realistiche appaiono le preoccupazioni e le perplessità emerse nel corso dell'assemblea pubblica sul suo futuro sviluppo. 
Le scelte decisionali sul destino di un territorio devono passare attraverso la condivisione e la partecipazione delle stesse, a maggior ragione quando queste decisioni interessano un diritto inalienabile per il cittadino come quello alla salute, sancito dall’articolo 32 della nostra Costituzione. Tale convinzione è rafforzata dalle procedure previste, secondo le quali determinate decisioni riguardanti i Distretti Sanitari devono passare per i pareri di merito dall’assemblea dei Sindaci, eletti a rappresentare ed interpretare le volontà e le necessità del territorio. Tutto questo non è avvenuto. Tutto questo è frutto di un'imposizione calata dall'alto sulla testa e sulla salute dei cittadini.
Dopo le deliberazioni del Consiglio comunale di Martano, tenutosi in seduta aperta al pubblico, dei Consigli comunali di Melendugno, Soleto, Caprarica di Lecce, Martignano, Calimera, Castrì di Lecce, a cui si aggiungerà il Comune di Carpignano Salentino il 28 gennaio p.v., dopo le delibere del Consiglio dell’Unione dei comuni della “Grecìa Salentina” e dell'Unione della “Terra d’Acaya e Roca”, quindi, l’informazione e la mobilitazione non si arrestano. Tutti i presenti all'assemblea pubblica hanno avallato, la proposta del Sindaco di Martano - Fabio Tarantino - di avviare il procedimento legale per ricorrere al TAR contro la delibera oggetto della controversia e di continuare con ancora più determinazione e convinzione la battaglia politica, partita con la raccolta firme che prosegue in tutti i Comuni del Distretto. La lotta per difendere il Centro Analisi e di conseguenza lo sviluppo del Poliambulatorio dell'ASL di Martano non si fermerà sino a quando non otterremo l’annullamento della delibera; convinti che questa non solo condizioni negativamente il servizio attuale del Poliambulatorio, ma impedisca il processo di potenziamento delle attività dello stesso.

Martano 26/01/2016                                                                            L’Amministrazione Comunale di Martano
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento