Politica Tricase

Operai Adelchi provano a "fare le scarpe" alla crisi

Alcuni lavoratori dell'ex calzaturificio stanno maturando l'idea di aprire un'impresa che permetta di uscire dall'empasse cassa integrazione. La Capone, pronta a parlarne e a sostenere l'iniziativa

adelchi[1][1]

TRICASE - Un tentativo di sfidare la crisi, mettendosi in proprio, con idee e gesti concreti, per superare l'empasse di questi mesi, segnati dalla cassa integrazione. Il progetto ambizioso nasce tra alcuni operai dell'ex calzaturificio Adelchi di Tricase, evidentemente stanchi di attendere dagli altri risposte sul proprio futuro, e pronti a lanciarsi nella sfida di mettersi in proprio, con un'impresa da loro gestita, per "fare le scarpe" (è il caso di dirlo) alla crisi e ai cattivi pensieri.

E la vicepresidente della Regione Puglia, Loredana Capone, informata da questo risvolto, e dell'intenzione degli operai di uscire dalla "trappola" della cassa integrazione che ne sta svilendo la capacità lavorativa, dimostra la propria disponibilità ad incontrare i lavoratori e a sostenre ogni lotro iniziativa: "Chi decide di fare impresa vuole 'sfidare' la crisi - afferma - , mettendo in campo buone idee per penetrare nel mercato. Stiamo parlando infatti di operai che, dopo anni e anni di lavoro nel settore, hanno acquisito un'alta professionalità e capacità che non vanno abbandonate ma, anzi, valorizzate e utilizzate al meglio. È da questo presupposto che bisogna ripartire puntando sulla qualità del prodotto, come gli stessi lavoratori hanno sempre sostenuto".


La Capone ritiene "molto utile", ma "sicuramente difficile" questa svolta, perché "fare impresa richiede lo studio del mercato e la valutazione ottimale delle proprie attitudini e dei propri soci": "Mi dicono - sostiene - che vogliono anche aprirsi a collaborazioni e partnership con imprenditori di altre aree del paese. Anche questa è una cosa estremamente utile. Dalle idee però bisogna passare a gesti concreti, per questo io voglio incontrare i dipendenti, vedere con loro le opportunità che si stanno prefiggendo e costruire con loro una opportunità di sviluppo di questa idea. Anche la task force della Regione potrà aiutarli, se loro ritengono, insieme a Confindustria, come siamo soliti fare quando ci sono delle iniziative complesse che si vogliono mettere in campo". "Mi fa piacere - conclude la Capone - che anche il presidente Montinari abbia dato la sua disponibilità e penso che un incontro, da fare il prima possibile, potrà chiarire meglio le idee sul possibile nuovo punto di partenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operai Adelchi provano a "fare le scarpe" alla crisi

LeccePrima è in caricamento