Politica

Ospedale di Scorrano. Il Pd chiede un confronto corretto e trasparente

La sezione cittadina del partito dice no agli sprechi, in merito al progetto di sostituzione del locale presidio ospedaliero con una nuova struttura: "Evitiamo comportamenti ambigui, che soddisfino solo interessi di campanile"

SCORRANO - La nuova struttura sanitaria che dovrebbe sostituire il presidio ospedaliero di Scorrano continua a far discutere. Anche il circolo locale "Angelo Rausa" del Partito Democratico interviene sulla questione sanitaria dell'area adriatica della penisola salentina, sottolineando come essa sembrava avere avuto soluzione col documento congiunto dei sindaci di Maglie, Scorrano e Poggiardo, con cui si individuava il nosocomio di Scorrano quale “ospedale di riferimento”, quello di Maglie quale “casa della salute” e quello di Poggiardo come “centro specialistico”.

Del resto, ricordano dal coordinamento cittadino, come di pari tenore fossero stati gli interventi del direttore generale Asl, Valdo Mellone, il quale sia in occasione dei consigli comunali magliese e scorranese sia nel corso della sua visita presso l’ospedale di Scorrano non aveva esitato ad esprimere le proprie perplessità in ordine al progetto di costruzione di una nuova struttura evidenziando come, a suo parere, fosse preferibile percorrere la ipotesi dell’ampliamento dell'edificio scorranese, considerata da egli stesso la scelta più economica ed attuabile.

"Si apprende invece - sottolineano - che la Regione Puglia, abbandonando l’idea del project financing, ha deciso di stanziare 88 milioni di euro per la costruzione di un nuovo ospedale nell’area di Scorrano-Maglie-Poggiardo".

Il Partito Democratico di Scorrano, stante la delicatezza della materia del contendere che attiene al diritto alla salute dei cittadini, chiede che sull’argomento vi sia un confronto corretto e trasparente ritenendo che si debbano evitare comportamenti ambigui e strane alleanze che tendono più a soddisfare interessi di campanile piuttosto che tutelare quelli dell’intera comunità salentina; al contempo, non chiude aprioristicamente alla discussione di soluzioni alternative ma ritiene "necessario, oltre che corretto, far effettuare indagini economiche, logistiche, tecniche ed ambientali, per la corretta valutazione degli interventi da effettuarsi".

Il presidio ospedaliero di Scorrano sarebbe per il Pd in condizioni strutturali e logistiche che meritano di essere attentamente valutate: la distanza di appena 400 metri dall’uscita della statale 275, principale arteria di collegamento Nord-Sud della provincia di Lecce; la struttura è in condizione di ospitare tutti i servizi sanitari in funzione; sono in corso interventi edilizi per svariati milioni di euro e molte parti sono adattate alle norme di accreditamento; l’ufficio tecnico del Comune di Scorrano ha redatto un progetto che dimostra come l’ampliamento dell’edificio sia possibile utilizzando aree già di proprietà della Asl e come lo stesso possa facilmente rispondere ad esigenze tecniche importantissime come la brevità e la organizzazione dei percorsi interni.

"Il Partito Democratico di Scorrano - chiariscono - ha sempre seguito con attenzione la questione del piano di riordino ospedaliero anteponendo l’effettivo miglioramento e potenziamento dei sevizi sanitari pubblici del territorio alla sterile logica campanilistica. Occorre pertanto valutare se sia giusto far pagare ai contribuenti i costi per l'eventuale costruzione di un nuovo ospedale in un momento in cui le risorse finanziarie regionali sono sempre più esigue e i tagli ai servizi hanno già toccato un limite invalicabile; se sia sostenibile dal punto di vista ambientale consumare il territorio, cementificare decine di ettari di terreni agricoli per un progetto che non appare del tutto necessario".

La richiesta del Pd, dunque, è nulla altro che "un serio e trasparente confronto su di un progetto che rinuncia ad un evidentissimo risparmio di risorse pubbliche con il  solo, apparente, obiettivo di rincorrere soluzioni pre-confezionate, lunghe, costose ed a beneficio di pochi portatori di interesse".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ospedale di Scorrano. Il Pd chiede un confronto corretto e trasparente

LeccePrima è in caricamento