rotate-mobile
La segnalazione e la replica

Pagliaro: “Sospese visite oncologiche ed ematologiche”. Da Asl netta smentita

Il consigliere regionale, con una nota, ha segnalato uno stallo nel polo “Giovanni Paolo II”, ma l'azienda sanitaria chiarisce che, pur nella cronica sofferenza di organico, sono assicurate tutte le prestazioni in urgenza e per i pazienti in trattamento

LECCE – Le visite oncologiche ed ematologiche presso il polo specialistico del “Vito Fazzi” di Lecce non sono sospese, in alcun modo. Lo precisa una nota di Asl Lecce in risposta alla nota stampa diffusa questa mattina dal consigliere regionale Paolo Pagliaro (La Puglia Domani)

“Il cancro non va in vacanza – aveva scritto l’esponente del centrodestra -, ma al polo oncologico dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce le prenotazioni delle visite oncologiche sono sospese almeno fino a settembre. Per i pazienti oncologici a rischio recidiva è impossibile programmare una visita di controllo nei prossimi due mesi, e per prenotare un esame pet bisogna aspettare addirittura novembre”. 

“Ho raccolto il grido di disperazione di alcuni pazienti che hanno provato a prenotare accertamenti urgenti per tumori e leucemie, ed hanno scoperto che non ci sono possibilità prima dell’autunno, finanche nel privato convenzionato – aveva spiegato Pagliaro -. Questa è un’emergenza che merita priorità assoluta, e faccio appello al direttore generale della Asl Lecce, all’assessore alla sanità e al direttore del dipartimento regionale salute perché provvedano subito a garantire ai pazienti oncologici leccesi e salentini l’assistenza diagnostica e specialistica oggi negata”.

In risposta Asl, dopo aver ricordato che per “i pazienti oncologici è attivo il Centro di Orientamento Oncologico (C.Or.O) con presa in carico globale del paziente (qui il link) ha precisato che “sono garantite come sempre le urgenze e i follow up dei pazienti in trattamento. La carenza di personale medico e infermieristico è un’annosa questione, non locale né regionale ma nazionale, con cui, con impegno e solerzia, facciamo i conti ogni giorno per continuare a garantire cure e servizi di qualità ai pazienti, a quelli più fragili in particolare”.

A stretto giro la controreplica di Pagliaro. Che dice: “Anziché mettersi sulla difensiva e affrettarsi a smentirci, la Asl di Lecce si metta in ascolto dei pazienti come facciamo noi, e dia risposte al loro bisogno di assistenza. Veniamo ai fatti: abbiamo raccolto le testimonianze di pazienti oncologici operati di recente all’ospedale Vito Fazzi e seguiti nella stessa struttura per i controlli di follow up, che avrebbero dovuto sottoporsi a visite di controllo a fine giugno. Ma la prenotazione è stata annullata pochi giorni prima della visita e, al tentativo di una nuova prenotazione, la risposta è stata che le agende di prenotazione sono chiuse almeno fino a settembre. Di fronte a queste testimonianze, ho segnalato quest’emergenza”. 

“La Asl sostiene che le visite oncologiche al Fazzi non sono state in alcun modo sospese. Noi diciamo altro: che le visite di controllo non sono prenotabili per l’intero periodo estivo – e lo confermiamo – quindi invitiamo l’azienda sanitaria ad attivarsi per ripristinare le agende di prenotazione, dando ai pazienti oncologici la possibilità di programmare ed effettuare i loro controlli a breve, con serenità. Per questi malati, più che per tutti gli altri, il tempo non è una variabile di poco conto. Da una diagnosi o da una terapia tardiva può dipendere la sopravvivenza”, conclude il consigliere regionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pagliaro: “Sospese visite oncologiche ed ematologiche”. Da Asl netta smentita

LeccePrima è in caricamento