Politica

Palazzo Carignani: Comune avvia procedimento per riprendersi l'ala ovest

Una porzione dell’immobile, nel centro storico, è stata ceduta in uso, nel 1919, all’Istituto per non vedenti “Anna Antonaci”

Uno scorcio interno di Palazzo Carignani

LECCE - La Giunta comunale di Lecce ha dato mandato all'avvocatura comunale di  intraprendere tutte le azioni giudiziarie necessarie per rientrare nel possesso dell'ala ovest di Palazzo Carignani, ceduta in uso nel 1919 all'Istituto per l'assistenza di persone ipovedenti “Anna Antonaci”. La decisione è stata assunta sulla base di un parere dell'avvocatura comunale, che tiene conto delle recenti vicende giudiziarie che hanno coinvolto l'Istituto. Secondo gli avvocati di Palazzo Carafa sussistono tutte le condizioni necessarie perché il Comune di Lecce pretenda la restituzione dell'immobile.

Parte di Palazzo Carignani è nella disponibilità del Comune di Lecce dal 1909, quando l'amministrazione dell'epoca acquistò dai proprietari l'enfiteusi dell'ala ovest. Dopo un decennio la cessione “in uso” all'Istituto Antonaci, valida, come riportano gli atti dell'epoca, “fino a quando l'Istituto funzionerà”.

Nel frattempo il Comune è divenuto proprietario a tutti gli effetti del bene per usucapione e l'Istituto ha mantenuto l'uso dell'immobile, senza che siano intervenuti negli anni atti di rinnovo della concessione o l'istituzione di altro tipo di rapporto con l'ente. Oggi, a norma di legge, risultano scaduti i termini massimi di durata per legge della concessione d'uso, e il Comune, anche sulla base di una valutazione che include le ultime vicende giudiziarie, è nelle condizioni di richiedere l'immediata restituzione del bene.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo Carignani: Comune avvia procedimento per riprendersi l'ala ovest

LeccePrima è in caricamento