rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Dopo varie vicissitudini / San Pio

Parco Corvaglia, nuovo tentativo di rinascita: più sport e socialità

Dopo la riqualificazione, riaperta l'area che del quartiere San Pio è uno dei simboli: sventato il rischio che sorgesse al suo posto un centro commerciale, il limite principale è sempre stata l'incuria

LECCE - Dopo un'attesa più lunga del previsto legata al subentro di una seconda ditta per il completamento dei lavori, è stato riaperto Parco Corvaglia, nel cuore del quartiere San Pio. A quell'area è legata una delle vicende più intense di militanza civica che si ricordino in epoca recente: nel 2005, infatti, un gruppo di cittadini si oppose al progetto di realizzazione di un centro commerciale, presidiò l'area e si arrivò anche a uno sgombero da parte delle forze dell'ordine.

Quel rischio è stato poi scongiurato, ma c'è voluto del tempo perché si arrivasse alla riqualificazione della zona che col passare del tempo era rimasta sempre più ostaggio del degrado e dell'incuria: nel 2012 l'allora neo assessore all'Ambiente, Andrea Guido, ottenne dall'azienda che al tempo si occupava della raccolta dei rifiuti in città l'impegno a una pulizia quotidiana del parco, ma allo stesso tempo l'esponente di giunta fu costretto a ricordare ad alcuni cittadini che non si trattava di un dog park, cioè di un posto dove i cani potessero essere lasciati liberi di fare i propri bisogni.

A ben vedere, anche oggi, cioè dieci anni dopo, la scomessa è tutta lì: comprendere fino a che punto gli abitanti del quartiere sapranno prendersene cura. La questione del resto riguarda tutte le aree simili presenti sul territorio comunale. Il sindaco, Carlo Salvemini, si è detto fiducioso nel contro del breve incontro odierno con alcuni cittadini: “Bisogna prendersi cura di questo spazio rinnovato, che l’amministrazione comunale consegna al quartiere e ai cittadini, che ne sono custodi oltre che fruitori – ha commentato nel corso di una breve chiacchierata con alcuni residenti –. Questo intervento è un tassello di un mosaico di azioni che hanno interessato in questi anni il quartiere San Pio, uno dei più belli della città, ricco di vita, di diversità, di istanze e di bisogni ai quali proviamo a corrispondere. Chi ama Parco Corvaglia, chi lo ha amato negli anni e si è battuto per preservarne la funzione di area pubblica a servizio del tempo libero dei cittadini, oggi è chiamato da cittadino a prendersi cura di questo spazio. Che è di tutti e che con le nuove funzioni sportive, di gioco, di incontro, sono certo che sarà uno spazio vissuto e frequentato da tanti”. A discutere con gli abitanti oggi c'era anche l'assessore regionale Alessandro Delli Noci che negli anni scorsi ha avviato l'iter dei lavori prima di passare il testimone a Marco Nuzzaci, attuale assessore ai Lavori Pubblici.

Parco Corvaglia panchine-2

La riqualificazione ha previsto nella parte di via Casavola e via Pozzuolo il posizionamento di un canestro come perno di un'area di gioco circondata da numerose sedute in pietra. L'area prospiciente le palazzine di edilizia popolare è stata invece attrezzate come zona per il fitness, con siepi e ulteriori alberature. Poi c'è la parte per il gioco dei bimbi. Tutte le aree a verde sono in terreno vegetale e nel corso dei lavori sono stati salvaguardati gli alberi storici. L'intera zona è dotata di un sistema di irrigazione e di illuminazione con lampade a basso assorbimento. Nei prossimi giorni saranno rifiniti gli ultimi dettagli con il posizionamento di una giostra accessibile (alle persone con disabilità) e dell'attrezzatura per il calisthenics (allenamento a corpo libero).

Forse per questa vocazione più sportiva rispetto al passato, che ha comportato la realizzazione del playground con superficie dura, alcuni cittadini del quartiere hanno espresso perplessità, ritenendo tradito lo spirito delle origini e suggerdendo, non senza scarcasmo, l'uso del termine piazza rispetto invece di quello di parco. Sfumature di significato a parte, è ora nell'interesse di tutti che quell'area venga vissuta con decoro e rispetto, anche per non dare ragione a chi aveva deciso che lì dovesse sorgere un centro commerciale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco Corvaglia, nuovo tentativo di rinascita: più sport e socialità

LeccePrima è in caricamento