Martedì, 3 Agosto 2021
Politica Centro

Parco di Belloluogo: "L’acqua utilizzata per l'irrigazione del verde non è nociva"

Lo hanno stabilito le analisi dell'Arpa Puglia. Il sindaco Perrone parla di "risposta che si attendeva per ribattere al catastrofismo di quanti antepongono la loro battaglia politica all'immagine della città". Successo intanto per "Imprando giocando"

LECCE – Le analisi dell’Arpa Puglia rilevano che l’acqua utilizzata all’interno del Parco di Belloluogo per irrigare il prato, le piante e gli arbusti, non è nociva per i cittadini che frequentano l'area a verde pubblico. I valori rilevati, infatti, sono di gran lunga inferiori ai limiti previsti.

“Il risultato delle analisi dell’Arpa - commenta il sindaco Paolo Perrone - rappresenta la risposta che attendevamo per ribattere al catastrofismo di quanti – è accaduto anche per la vicenda legata alla presunta presenza dell’uranio impoverito di Torre Veneri – antepongono la loro battaglia politica, tesa ad offuscare l’immagine di Lecce e dell’amministrazione comunale, alla verità. Bambini, giovani e anziani si riapproprino con serenità dello splendido spazio verde realizzato nel cuore della nostra città”. 

“C’è chi imposta la propria azione politica sollevando inutili polveroni – aggiunge l’assessore alle Politiche Ambientali, Andrea Guido – Noi, al contrario, preferiamo parlare con i fatti invece di emettere sentenze intempestive e, a volte, fuorvianti. Per noi la salute dei cittadini rappresenta una priorità assoluta, una bussola che accompagna da sempre il nostro cammino”.

Intanto, il “ripasso” generale prima di tornare sui banchi di scuola con “Imparando giocando”, l’iniziativa rivolta ai bambini leccesi delle elementari, raddoppia.  Il risultato delle valutazioni da parte dei genitori e dei partecipanti è stato così positivo da indurre l’assessore all’Ambiente Andrea Guido a riproporre l’esperienza anche per le prossime vacanze di Natale. 

Il progetto, organizzato fino allo scorso 13 settembre presso il Parco di Belloluogo, in collaborazione con la cooperativa Terradimezzo,  ha coinvolto personale specializzato che ha condotto i giovanissimi attraverso un percorso di apprendimento utilizzando la metodologia del gioco, della scoperta e della ricerca. Tutti i genitori dei bambini che hanno partecipato al campo, al termine dell’esperienza, sono stati invitati a compilare un feedback scritto e nominale per esprimere il loro giudizio in merito al gradimento dei bambini, all’utilità delle attività e ai contenuti delle lezioni e al modo in cui sono state condotte.

“Abbiamo deciso di organizzare diversi campi scuola quest’anno, tutti in aree di alto interesse ambientale e naturalistico – spiega  l’assessore Andrea Guido . "Dopo le attività al Parco di Rauccio e all’ex Ostello della Gioventù di San Cataldo con due diversi campi estivi focalizzati sulla totale immersione nel verde e guidati da animatori ed educatori appassionati di ecologia, con l’iniziativa realizzata al Parco di Belloluogo - aggiunge - si è pensato di offrire alle famiglie leccesi la possibilità di far compiere ai propri figli delle esperienze ricreative, ludico-naturalistiche ed educative anche prima dell’inizio degli impegni scolastici. A quanto pare abbiamo colto nel segno. Per questo motivo, di concerto con lo staff della Cooperativa Terradimezzo, si è pensato di riproporre le attività anche nel periodo invernale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco di Belloluogo: "L’acqua utilizzata per l'irrigazione del verde non è nociva"

LeccePrima è in caricamento