Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

Parità di genere, Buccoliero promuove i principi della legge, non la modalità

Il consigliere regionale, dispiaciuto per la mancata approvazione della proposta del comitato "Mai più senza 50&50", precisa: "Bocciata la modalità con cui la si voleva far passare". E nel futuro vede un'assemblea "paritaria"

LECCE – Non si spengono le polemiche sul caso del voto di ieri, nell’assemblea regionale pugliese, che ha silurato la proposta di legge per la parità di genere nelle liste elettorali e con l’opportunità di esprimere una seconda preferenza. E mentre sulla rete continua la richiesta di sapere i nomi dei franchi tiratori, che sfruttando il voto segreto, hanno fatto mancare i numeri favorevoli alla proposta, il dibattito politico si arricchisce di commenti.

A parlare quest’oggi è il responsabile del gruppo “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero, che ribadisce l’“obbligo morale” del consiglio regionale pugliese di recepire, nella prossima legge elettorale, i principi della proposta di legge, di ispirazione popolare, del comitato “Mai più senza 50 e 50”, andando addirittura oltre gli stessi e prevedendo un’assise regionale “50 e 50”.

“Dispiace la bocciatura in aula – prosegue Buccoliero – che certo non era rivolta ai principi contenuti nella proposta di legge, ma alle modalità con cui si è cercato di farli passare. Meglio sarebbe stato, probabilmente, accettare l’ordine del giorno, che rinviava la proposta alla VII Commissione, in modo da includerla all’interno di una più articolata riforma della legge elettorale, che comprendesse, senza se e senza ma, la parità di genere”.

Resta l’obbligo morale per il consiglio regionale – chiarisce ancora - non solo proseguire su questa strada, ma sforzarsi anche di andare oltre, prevedendo il 50 e 50 all’intera assise regionale. Credo che questi principi fondamentali non potranno essere ignorati nella prossima riforma della legge elettorale regionale, perché significherebbe bloccare un percorso democratico e politico, che deve essere portato avanti con maturità e serietà, senza colpi di testa, muro contro muro o faziose prese di posizione”.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parità di genere, Buccoliero promuove i principi della legge, non la modalità

LeccePrima è in caricamento