Politica

Regolamento pass per la Ztl: pronti emendamenti per una riduzione netta

Dopo una lunga attesa, lunedì prossimo si discuterà nel consiglio comunale del regolamento per la concessione dei permessi di transito e sosta: Lecce Città Pubblica ha stimato che, con alcune modifiche, potrebbero essere più che dimezzati

LECCE – Si può arrivare a ridurre di più della metà il numero di pass di accesso delle auto alle zone a traffico limitato del centro storico.

Lecce Città Pubblica ha fatto una stima di quanti potrebbero essere i cittadini che effettivamente hanno bisogno di accedere in auto nel cuore della città e il risultato è sbalorditivo se comparato al numero dei permessi permanenti ad oggi concessi: 5301 a fronte di 12079. Lo studio è stato preparato in previsione del consiglio comunale di lunedì prossimo.

Nella massima assise cittadina finalmente approda il regolamento che si colloca come il primo documento organico dopo 16 anni di gestione a maglie larghe sulla base di un’ordinanza sindacale del 1999 (Adriana Poli Bortone) e di atti dirigenziali. Tra i lavori istruttori degli uffici competenti e la discussione in commissione Traffico e Mobilità, è trascorso un anno e mezzo.

Carlo Salvemini, consigliere comunale di minoranza, tra i promotori di LCP, sta preparando degli emendamenti da sottoporre ai colleghi perché a suo dire il regolamento, per come predisposto, presenta ancora diverse falle. E i tecnici di Palazzo Carafa, interpellati, non hanno saputo quantificare l’abbattimento previsto.

sconosciuto (1)-2La stima dei 5301 pass è allora stata fatta da LCP tenendo in considerazione il numero dei residenti, di B&b, alberghi e affittacamere, delle attività commerciali desunti dai dati che l’amministrazione comunale ha messo a disposizione on line e prevedendo alcune modifiche rispetto alla bozza che arriva in consiglio: due permessi per famiglia, uno per gli esercenti e per le strutture ricettive (alle quali risultano concessi 611 pass nonostante siano poco più di 100) e nessuno, di carattere permanente, per non residenti (ad esempio i domiciliati che nell’elenco aggiornato al maggio 2013 hanno avuto 2122 permessi), per la stampa, dirigenti comunali e studi professionali (ai quali sono stati concessi 542 autorizzazioni)

Il ragionamento parte dalla premessa, rappresentata dall’immagine riportata qui sopra, che ci sono comunque 8 punti di accesso al centro storico che sono liberamente percorribili da chiunque, dal lunedì al venerdì, dalle 6 alle 21. L’obiettivo a lungo termine resta la chiusura, salvo che per gli autorizzati, dei varchi 24 ore su 24.

Assemblea del Pd.

Anche il Pd si prepara a portare il suo contributo, organizzando per sabato alle 10.30 presso la sede di via Milizia un incontro con i cittadini: “Il Partito Democratico di Lecce prosegue nella sua attività propositiva in merito al tema mobilità nella città capoluogo ed alla rimodulazione della zona Ztl, coinvolgendo in un assemblea pubblica iscritti e cittadini. Dunque valuteremo ipotesi e proposte da consegnare al gruppo consiliare”.

Come già anticipato nel corso di una recente iniziativa sul tema, in piazza Sant’Oronzo, il Pd pensa anche al ricorso ad un referendum.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regolamento pass per la Ztl: pronti emendamenti per una riduzione netta

LeccePrima è in caricamento