Pd all’attacco: “Il governo Gabellone taglia gli stipendi del personale”

Il gruppo consiliare di opposizione in Provincia sottolinea come il governo di destra stia tentando di "distruggere la principale risorsa dell'ente tagliando gli stipendi al personale". Lunedì se ne discuterà in commissione

LECCE – “Continuando a guardare indietro e pur di denigrare quanto fatto dalle passate amministrazioni, il governo di destra della Provincia di Lecce passa pesantemente sulla testa dei dipendenti, principale risorsa dell’ente”. Con queste parole, il capogruppo del Pd a Palazzo dei Celestini, Cosimo Durante, a nome della compagine che rappresenta, attacca il governo Gabellone, accusandolo di continuare a tagliare gli stipendi al personale dell’ente.

“Da quando si sono insediati – precisa - da subito abbiamo denunciato come i tanti atti amministrativi approvati dalla giunta Gabellone evidenziavano la forte e precisa volontà sistemica di influenzare i dipendenti, di tenerli a freno con l’obiettivo di azzerare un esempio eccezionale di struttura burocratica pubblica distintasi nel corso degli anni per efficienza e trasparenza e che ha concorso con il suo supporto al cambiamento del Salento”.

“Da sempre – prosegue -, come gruppo consigliare Pd, abbiamo cercato di far comprendere che la strada intrapresa non era quella giusta e che una risorsa così importante andava tutelata e salvaguardata invece no. La maggioranza non ci sta. E continua imperterrita a minare la concordia sociale raggiunta nel corso degli oltre 15 anni e come un caterpillar va avanti dimenticando che ‘protervia, ottusità ed insensibilità’ sono generatori di conflitto sociale”.

Per Durante, mai come con questa amministrazione si sono verificati tanti contenziosi con il personale dipendente, dai tecnici ai quali vengono negati gli incentivi per la progettazione all’ufficio legale, “relegato ad un angolo per consentire nomine legali esterne sia per il contenzioso minore che maggiore, per passare alle procedure per i concorsi interni riferite alle progressioni verticali, per le quali chiedemmo l’istituzione di una commissione d’indagine interna e per esse recenti sono i pronunciamenti del Tar Lecce che ha visto soccombente più volte l’amministrazione, ai concorsi banditi e poi ritirati per  mobilità part-time per i quali facemmo ricorso alla Presidenza del consiglio per bloccarli”.

“Ora – chiarisce - sia all’ultima fase ai dipendenti, in un momento così delicato ed a forte impatto sociale ed economico, dando per scontato quanto contestato dalla ragioneria dello Stato e senza evidenziare che il fondo incentivante era stato certificato dagli organi competenti e, senza avviare nessuna azione a favore, tutela e sostegno dei dipendenti, deliberano ed avviano il procedimento per gli atti necessari finalizzati a sospendere ‘Il trattamento economico accessorio’ con decorrenza 1° ottobre 2012 con una decurtazione notevole degli stipendi e con ciò che ne deriva”.

Il gruppo consigliare Pd vuole sollecitare la maggioranza di Palazzo dei Celestini a “porre maggiore attenzione alle politiche riguardanti il personale”. Per affrontare la questione ancora una volta ha chiesto la convocazione della commissione competente che si riunirà lunedì 24 settembre attendendo con fiducia “una inversione di rotta da parte del presidente Gabellone”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

  • Dopo il tamponamento continua la marcia verso casa senza una ruota

Torna su
LeccePrima è in caricamento