Giovedì, 24 Giugno 2021
Politica

Ipotesi primarie, il Pd attacca Ria: "Voli pindarici da un comune all'altro"

Il responsabile degli enti locali, Mauro Maggio, ribadisce la linea seguita dal circolo diretto da Mauro Gaetani

La segreteria provinciale.

TAVIANO – Attacco frontale del Pd salentino a Lorenzo Ria, con tanto di avvertimento agli iscritti di Taviano che si dissocieranno dalla linea del locale circolo: il rischio concreto è l'espulsione.

Il responsabile degli enti locali, Mauro Maggio, interviene sull’ipotesi di primarie in vista delle elezioni amministrative nel comune del basso Salento: “Il Partito Democratico è, a livello nazionale, regionale e provinciale, il partito di governo e punto di riferimento del centrosinistra. Convocare presunte primarie, senza il coinvolgimento del Pd non ha senso, così come non ha senso definirle di centrosinistra”.

Nella città di Taviano il locale circolo del Pd, di cui è segretario il consigliere provinciale Mauro Gaetani, è al lavoro da tempo nella costruzione di una coalizione che mette insieme vari pezzi dell’opposizione all’amministrazione in carica, compreso l’ex assessore e vicesindaco Giuseppe Tanisi che nel luglio del 2014 ha consumato la sua rottura con il primo cittadino, Carlo Portaccio. All'attuazione di questa strategia contribuiscono anche Irene Giannini, componente della segreteria provinciale, e Giusy Trisolino che parte della direzione di via Tasso.

In distonia con questa linea, alcuni iscritti al Pd hanno firmato un documento per le primarie in cui si fa riferimento a un candidato socialista e a Lorenzo Ria. Sul percorso del primo, il responsabile provinciale del Pd per gli enti locali affonda il colpo: “Dopo una vita trascorsa a fare il sindaco, il presidente della Provincia, il deputato, il senatore e dopo aver lasciato (provvisoriamente) il centrosinistra per far vincere le provinciali al “fittiano” Gabellone, l’amico Ria, continua a farsi notare per voli pindarici da un comune all’altro. Prende la tessera nel comune di Corigliano, si candida sindaco a Racale (rifiutando le primarie), diventa aspro oppositore di Donato Metallo, uno dei giovani sindaci più bravi d’Italia ed ora si ripresenta a Taviano, rischiando di gettare alle ortiche il paziente lavoro svolto negli ultimi anni dal gruppo dirigente del circolo". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ipotesi primarie, il Pd attacca Ria: "Voli pindarici da un comune all'altro"

LeccePrima è in caricamento