Politica

Pdl attacca: "Ospedale fantasma". Sel risponde: "Gravi le parole di Gabellone"

Domani mattina parlamentari e consiglieri regionali e provinciali del centrodestra saranno al San Giuseppe di Copertino per un nuovo incontro sul piano di riordino ospedaliero. Il partito di Sel controbatte: "Una campagna per creare soltanto psicosi: qui c'è un polo d'eccellenza"

COPERTINO – Sanità, il Pdl continua nell’offensiva già partita da Nardò, sferrando un vero e proprio attacco al presidente regionale Nichi Vendola e in una nota definisce “fantasma” l’ospedale San Giuseppe di Copertino. Sel replica secco e taccia, piuttosto, come “fantasmagoriche” le dichiarazioni del presidente della Provincia Antonio Gabellone.

Il nodo è quello del riordino ospedaliero, sul quale “il centrodestra non ha intenzione di mollare la presa”. Si tratta di un tema “delicato”, ha detto Gabellone, parlando della “tutela del diritto alla salute e ad essere assistiti in ospedali territorialmente vicini e competitivi dal punto di vista della qualità dei servizi”. Per questo, ha preannunciato per domani mattina un incontro che vedrà presenti, accanto a lui, in qualità di coordinatore del Pdl, anche i parlamentari salentini del partito e i consiglieri regionali provinciali.

Appuntamento alle 10,30, nella sala conferenze dell’ospedale, dove i politici del centrodestra incontreranno pazienti e operatori sanitari “prima di ispezionare e visitare la struttura ospedaliera, nel mirino dei tagli e del ridimensionamento sino alla chiusura di fatto, voluta dal governatore Vendola”. Una struttura che Gabellone non ha esitato a definire “fantasma”.

Ma il segretario provinciale di Sel, Anna Cordella, e quello del circolo copertinese del partito di Vendola, Salvatore Calasso, bollano come “di una gravità inaudita” le dichiarazioni di Gabellone, “Parlare di ospedale fantasma è irrispettoso del lavoro svolto quotidianamente dagli operatori sanitari che fa registrare punte di vera e propria eccellenza”, dicono. “Tali dichiarazioni confermano che il presidente Gabellone, nella migliore delle ipotesi non sia a conoscenza del tema, nella peggiore che strumentalizza un tema delicato come quello della salute per un mero tornaconto elettorale”.

“La giunta Vendola – proseguono gli esponenti di Sel - con delibera regionale numero 3006 del 28 dicembre 2012 sul riordino della rete ospedaliera ha rilanciato di fatto l'ospedale aumentandone i posti letto che da 153 passano a 196. Il San Giuseppe da Copertino è il primo ospedale in provincia e l'unico dove anche gli ausiliari lavorano su turno di 24 ore nei reparti di Medicina, Geriatria, Ortopedia, Ostetricia”.

Ancora, da Sel aggiungono che il nosocomio “dispone di un reparto di eccellenza in Chirurgia generale in grado di far fronte alle urgenze chirurgiche ed effettuare diagnostica invasiva. Il pronto soccorso ha una nuova sede inaugurata nel maggio 2013. La direzione sanitaria ha in organico un  direttore e due vice direttori sanitari”.

“Con il nuovo piano ospedaliero – proseguono Cordella e Calacco - sono stati raddoppiati i posti letto di Medicina genarale, aumentati quelli di ostetricia e ginecologia, attivati sei posti di neonatologia e ventiquattro di lungo-degenza. Ci chiediamo quindi, al netto della psicosi che il presidente Gabellone vuole innescare con le sue dichiarazioni, quali sono i documenti, le delibere, gli atti a sostegno delle sue dichiarazioni”. 

“Ci auguriamo che la futura campagna elettorale per il rinnovo dell'amministrazione comunale di Copertino – concludono - non venga giocata dal Pdl su un tema così delicato ed invitiamo il lresidente Gabellone, per il garbo istituzionale che lo contraddistingue, ad astenersi da dichiarazioni fortemente demagogiche come quella sull'ospedale San Giuseppe da Copertino”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pdl attacca: "Ospedale fantasma". Sel risponde: "Gravi le parole di Gabellone"

LeccePrima è in caricamento