Dall'area di Emiliano arriva un assist a Fornari: "Sia il candidato unitario"

Il consigliere regionale Mario Pendinelli ritiene che ci siano le condizioni per il sostegno di tutta la coalizione all'esponente progressista

Giuseppe Fornari.

LECCE - Dopo il venir meno dell'ipotesi che portava al commercialista Giovanni Rapanà e il fallimento del "pressing" sul senatore Dario Stefàno, nei partiti del centrosinistra leccese, e nel Pd in particolare, nel traballante quadro del centrosinistra leccese c'è da segnalare la presa di posizione del consigliere regionale, Mario Pendinelli, che auspica la convergenza su Giuseppe Fornari, promotore del movimento "Una buona storia per Lecce".

L'esponente del gruppo "Emiliano sindaco di Puglia" ha dichiarato: "La difficile campagna elettorale che ci aspetta nel capoluogo salentino impone al centrosinistra ed all’intera area cattolica e progressita di aprirsi alla società civile ed al confronto. Credo che siano maturate le condizioni politiche per cui i movimenti ed il Pd possano sostenere Giuseppe Fornari come candidato unitario del centrosinistra alle amministrative del Comune di Lecce".

Intanto un gruppo di tesserati democratici e di simpatizzanti dello schieramento progressista ha preso allora l'iniziativa di promuovere una raccolta firme per ottenere l'organizzazione delle primarie, considerando il fatto che alcune disponibilità in questo senso erano state già avanzate, a partire da quella del capogruppo in consiglio comunale, Paolo Foresio e del consigliere regionale Sergo Blasi.

Nei prossimi giorni verranno allestiti dei banchetti in città perché la petizione raggiunga numeri consistenti. Le primarie sono viste come uno degli ultimi tentativi possibili di rivitalizzare uno schieramento ridotto ai minimi termini. Il 23 gennaio del 2012, quando si contesero l'investitura Carlo Salvemini, Sabrina Sansonetti e Loredana Capone, che la ottenne, votarono 7mila 814 elettori. Un dato interessante e per certi versi incoraggiante in vista delle amministrative che ci sarebbero state di lì a poco, ma che non impedì al centrodestra, che ricandidava Paolo Perrone (a sua volta netto vincitore di primarie contro Gigi Rizzo e Paolo Pagliaro), di conquistare con estrema facilità il governo della città per la quarta tornata consecutiva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'altro risiede nella "Convention per l'alternativa", promossa per sabato mattina da "Idea per Lecce" di Ernesto Mola e Nicolangelo Barletti, alla quale sono stati invitati partiti e movimenti del centrosinistra, ma anche Alessandro Delli Noci, ex assessore della giunta Perrone e candidato sindaco con "Un'altra Lecce".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento