Giovedì, 17 Giugno 2021
Politica Piazza Sant'Oronzo

Nuda sul corso, le fiamme della polemica non si placano

La performance senza veli di sabato sera nel cuore della città, prevista nell'ambito di "Illuminando Lecce", non è ancora terminata. Il sindaco, Paolo Perrone, smentisce le curatrici ed insiste: "Noi non lo sapevamo"

LECCE - Dover sganciare le pensioni superiori a mille euro dall'inflazione ha fatto piangere il ministro Elsa Fornero. Leggere i punti salienti della manovra economica "salva Italia" ha fatto piangere milioni di italiani. Intanto si scopre che, per salvare il trasporto pubblico, aumenta il costo della benzina. Ma tutto ciò non basta. Perché a Lecce si trova ancora il tempo, a 72 ore dal fatto "incriminato", di discutere sulla pietra dello scandalo che ha diviso i buoni dai cattivi, i puri dai peccatori. La performance artistica della coniglietta che ha destabilizzato le certezze di una città meccanicamente avviata verso la celebrazione delle feste natalizie. 

Questa non è arte, s'è tuonato. Non era previsto, è stato precisato. I bambini faranno brutti sogni, s'è sospettato. Ma poi nessuno si interroga se la vera violenza sia una rappresentazione estemporanea, stravagante, comunque insolita, oppure - solo per fermarsi all'esempio più banale - la stupidità di annunci pubblicitari di ogni tipo che riducono il rapporto uomo-donna ad una mera contrapposizione fisica, nascondendo il quoziente intellettivo nelle pieghe di una minigonna. Bisogna salvare le forme, del resto Lecce è una città abituata a contemplarsi in superficie. Dove tutto deve apparire conforme alla convenzioni.

E' di qualche  ora addietro l'ultima precisazione da parte del sindaco, Paolo Perrone, che ha fatto sapere - rispondendo alle curatrici del progetto "Luci d'artista - Illuminando Lecce" - come l'illustrazione dei dettagli nella cartella stampa non costituisse titolo autorizzativo allo svolgimento della performance. Che ha avuto inizio, sia chiaro, all'interno dell'Open Space di Palazzo Carafa e alla quale ha assistito lo stesso primo cittadino che ha preso comunque le distanze quando l'atto è proseguito all'esterno. Sottolineando come il progetto autorizzato dalla giunta comunale non riguardasse nulla che ha a che fare con il nudo. "Per le argomentazioni su esposte, le polemiche innescate dalle due curatrici dell’evento risultano essere del tutto fuori luogo e strumentali". 

Quanto a cosa sia arte oppure no, forse è compito degli addetti ai lavori discettare. Ma, di certo, di manifestazioni di "dubbio gusto" e qualità se ne sono viste di peggiori. Ma nessuno si è scandalizzato. Non c'erano elezioni alle porte.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuda sul corso, le fiamme della polemica non si placano

LeccePrima è in caricamento