Domenica, 1 Agosto 2021
Politica

Perrone al rientro dalla Cina: " Ora i tour operator ci guardano con interesse"

Lecce come tappa significativa per offrire ai turisti provenienti dal lontano Oriente le proprie bellezze paesaggistiche ed enogastronomiche. Soddisfatto il primo cittadino dopo la partecipazione al artecipare al “World Agritourism Development Forum”

LECCE -  Il Salento e Lecce come tappa significativa per offrire ai turisti provenienti dal lontano Oriente le proprie bellezze paesaggistiche ed enogastronomiche. E’ questo in sintesi il messaggio lanciato dal sindaco Paolo Perrone nella sua recente visita in Cina per partecipare al “World Agritourism Development Forum”. Alla convention hanno preso parte trecento delegati provenienti da ogni parte del mondo, che si sono confrontati con autorevoli rappresentanti istituzionali ed esponenti del mondo commerciale ed economico cinese.

“E‘ stato un momento importante – ha tenuto a dire Perrone - per fare rete, per scambiare esperienze tra i vari Paesi e per stringere contatti significativi, in particolare con i tour operator cinesi che guardano con interesse alle proposte che può offrire una città come la nostra, bella ma fuori dai tradizionali tour turistici. Con un miliardo duecento milioni di abitanti, 100 milioni dei quali benestanti, la Cina si apre ad un turismo internazionale di enorme potenzialità: viaggiare rappresenta per i cinesi uno status symbol. E il Salento può diventare una mèta interessante, soprattutto per le splendide masserie che circondano il territorio e per i genuini prodotti enogastronomici della nostra terra. Ma è necessario non farsi trovare impreparati anche perché il cittadino cinese è poco adattabile sul piano turistico, a cominciare dalla ristorazione”. 

“In questa ottica – ha aggiunto il sindaco - Expo 2015 diventa strategicamente significativa  per alimentare l’imponente flusso turistico che giungerà dall’Oriente. Ecco perché come Anci abbiamo chiesto che i benefici della fiera milanese siano duraturi e vengano allargati a tutto il Paese, promuovendo iniziative anche al di fuori del capoluogo lombardo. Per questo possiamo e dobbiamo ‘costruire’ una proposta privilegiata per i turisti cinesi e l’agriturismo può rappresentare la chiave di volta per vincere questa sfida. Ho verificato con gioia che tutti gli addetti ai lavori del  Forum conoscevano Lecce. Bene, ora dobbiamo avviare un percorso concreto per attrarre questo vasto mercato di visitatori orientali. E’ un’occasione da non perdere”.

Intanto il prossimo 24 novembre sarà a Lecce, su invito di  Perrone, il primo tour operator cinese. Una visita a cui farà seguito, a metà dicembre, quella di John Xing, presidente della Friendship Communication Organization che ha ospitato il Forum mondiale sull'agriturismo a Changsha, in Cina. Sarà l’occasione per cominciare a tastare il mercato cinese, per capire quali sono le reali esigenze e su quali basi il territorio salentino può calibrare un’offerta concreta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perrone al rientro dalla Cina: " Ora i tour operator ci guardano con interesse"

LeccePrima è in caricamento