Politica

Pesca, due gruppi di azione per intercettare i fondi

Costituiti ufficialmente, uno per il versante adriatico e un altro per quello jonico, con lo scopo di creare nuove opportunità in un comparto strategico per la provincia e rilanciare il lavoro

pescherecci_nel_porto_di_Gallipoli-3

CASTRO - Presso il Comune di Castro si sono costituiti il Gruppo di Azione Costiera (Gac) Adriatico Salentino(composto dalla Provincia di Lecce, i Comuni di Vernole, Melendugno, Otranto, Santa Cesarea Terme, Castro e Diso, il Parco Naturale Costa Otranto Santa Maria di Leuca, Agci, Agrital, Federcoopesca, Federpesca, Legapesca, Unci, Cooperativa La Folgore, Cooperativa Pescatori Il Delfino, Cooperativa dei Pescatori Salentini, Gal Terra d'Otranto, Banca di Credito Cooperativo di Terra d'Otranto, Lega Navale Italiana - Sezione di Otranto e Associazione Magna Grecia Mare) ed il Gruppo di Azione Costiera (Gac) Jonico Salentino (composto dalla Provincia di Lecce, i comuni di Porto Cesareo, Nardò, Galatone e Gallipoli, Agci, Agrital, Federcoopesca, Federpesca, Legapesca, Unci, Associazione Sui Generis, Cooperativa Hydra e Consorzio Operatori Turistici di Porto Cesareo e dintorni).

I partenariati costituiti nascono dalla volontà di offrire nuove opportunità per lo sviluppo delle zone di pesca, per partecipare al bando della Misura. 4.1 del Fondo europeo per la Pesca 2007/2013 della Regione Puglia. Sono stati eletti alla carica di presidente del consiglio di amministrazione del Gac Adriatico Salentino, l'assessore al Turismo e Marketing territoriale della Provincia di Lecce Francesco Pacella, e per il Gac Jonico Salentino Angelo Petruzzella.

"Sono due iniziative che si inseriscono all'interno della politica per lo sviluppo dei territori costieri ed il rilancio del settore della pesca che la Provincia di Lecce ha avviato, di concerto con le associazioni di categoria della pesca, da tempo e che ora presentano risultati maturi. La costituzione dei due Gac Salentini rappresenta il consolidamento degli sforzi e della feconda collaborazione attuata fra la Provincia di Lecce, ente Capofila delle iniziative, le amministrazioni comunali partner e le associazioni di categoria della pesca, promotori dei due partenariati", ha commentato con soddisfazione l'assessore provinciale all'Agricoltura, Turismo e Marketing territoriale, Risorse del Mare Francesco Pacella.

Sandro Quintana: "Dalla mia commissione, il massimo del sostegno".

Soddisfazione è stata espressa dal presidente della commissione provinciale per la Promozione delle attività produttive che mira alla creazione "di una filiera della pesca tutta salentina, prima ancora che italiana firmata dai pescatori, attraverso la valorizzazione dell'origine e della specialità delle imprese, con un'attenzione particolare alla sicurezza alimentare e alla tutela della qualità del made in Salento".

"Auspico che Gallipoli e le comunità costiere di entrambi i Gac - ha proseguito Quintana - possano raccogliere i migliori risultati, attraverso il raggiungimento di obiettivi comuni e condivisibili tra i quali mantenere la prosperità economica e sociale di tali zone e aggiungere valore ai prodotti della pesca e dell'acquacoltura; preservare e incrementare l'occupazione nelle zone di pesca sostenendo la diversificazione o la ristrutturazione economica e sociale nelle zone confrontate a problemi socioeconomici connessi ai mutamenti nel settore della pesca promuovere la qualità dell'ambiente costiero; promuovere la cooperazione nazionale e transnazionale tra le zone di pesca".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pesca, due gruppi di azione per intercettare i fondi

LeccePrima è in caricamento