Piano di lavoro regionale: tra annunci e preoccupazioni

Vendola presenterà il 12 gennaio un piano da 300milioni di euro per abbattere la disoccupazione, ma le parti sociali sono in subbuglio, per sanità e le tasse sulla benzina. E la Cgil chiede risposte

lavoro_donne_impresa[1]-5
BARI - Fa discutere il piano lavoro per la Puglia, annunciato da Nichi Vendola nei giorni scorsi: 300milioni di euro in campo da spendere in politiche dell'occupazione.

Eppure la prospettiva, lanciata dal governatore, è stata raccolta con una certa freddezza sia dal mondo del lavoro che da quello della politica. Colpa o merito del duro monito che la Cgil stessa ha espresso nei giorni scorsi sul fronte dell'occupazione nella regione pugliese, chiedendo risposte concrete ai dati allarmanti ed impietosi della crisi che non risparmia nemmeno la Puglia.

C'è insofferenza nelle parti sociali dinanzi ad un'amministrazione, che ha appena vagliato un piano sanità doloroso per molti territori e che ripropone il pagamento di un ticket sulle ricette, e dopo l'approvazione di un bilancio che prevede un caro benzina. In buona sostanza, nei tempi di crisi, dove si chiedono sacrifici (sempre e solo ai cittadini) per il bene della Puglia, appaiono incerte e poco credibili, senza una spiegazione dettagliata, le cifre del piano vendoliano per il lavoro. E che questo sia il problema, lo dimostrano più che le critiche dell'opposizione, gli imbarazzi degli stessi alleati, che, da tempo, chiedono a Vendola di mollare la presa sulle sue aspirazioni da leader nazionale, per occuparsi della regione, in evidente stato di difficoltà per i numerosi problemi sul tavolo.

Novanta mila posti di lavoro in meno, persi nel biennio 2008-2010, con una disoccupazione ufficiale al 13,4%, con il calo del Pil del 5% e l'incremento dell'85% della cassa integrazione, grazie alle diverse crisi aziendali non lasciano scampo ad una fotografia problematica. Non è un caso che lo stesso Vendola, nella conferenza di fine anno, abbia indicato come turismo, economia, ambiente e politiche giovanili i punti forti di un architrave pugliese, che regge l'urto della crisi internazionale ed italiana.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il Pdl, il quadro politico è deprimente, con un presidente che annuncia fantasmagorici piani dell'occupazione, ma che regala "maggiori tasse e minori servizi per i cittadini". L'appuntamento per fare maggiore chiarezza su questo piano dell'occupazione sarà il 12 gennaio, quando l'esecutivo regionale varerà la manovra straordinaria per il lavoro, utile a rispondere nel concreto alle esigenze di disoccupati e precari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento