Politica

E’ morto Pino Rauti, voce in dissenso del Msi. Il cordoglio della destra salentina

Storico dirigente dell'estrema destra, teorizzò lo sfondamento a sinistra del Msi. Accusato di concorso in strage per ben tre volte, fu sempre assolto. Il ricordo di Adriana Poli Bortone, Alfredo Mantovano e Roberto Tundo

Pino Rauti a Lecce, nel 1989. Foto di Roberto Tundo.

 

LECCE –Pino Rauti, storico dirigente dell’estrema destra italiana, è morto questa mattina a Roma all’età di 85 anni. Noto anche come “Il Gramsci nero”, rifiutò la svolta di Fiuggi che sancì la nascita di Alleanza Nazionale e diede vita prima al Movimento sociale italiano – Fiamma tricolare e poi al Movimento Idea sociale.

Calabrese di nascita, combattente nella Repubblica di Salò, fondatore del movimento di Ordine Nuovo, giornalista e anche imputato per concorso in strage, ma sempre assolto, per gli attentati di Piazza Fontana, di Bologna e di Piazza della Loggia a Brescia. Deputato per ventidue anni, dal 1972 al 1974, raccolse l’eredità di Giorgio Almirante e fu tenace avversario del delfino di costui, Gianfranco Fini, al quale riuscì a strappare la segreteria del Msi per un paio di anni, nel 1990 e nel 1991.

La sua scomparsa non ha lasciato indifferenti i principali esponenti della destra salentina, da Adriana Poli Bortone a Saverio Congedo, da Alfredo Mantovano a Roberto Tundo.

“Con Pino Rauti – scrive la senatrice - scompare l’ultimo testimone di quella destra italiana venuta fuori dalle macerie della guerra e del dopoguerra. Nella mia memoria Rauti rimarrà come espressione di una destra sociale colta e passionale e come politico autentico, interprete di percorsi culturali moderni e illuminati”. Lo afferma in una nota Adriana Poli Bortone, presidente di Grande Sud. “A lui il ricordo grato – aggiunge -  di chi come me ha condiviso momenti importanti della vita del Movimento sociale italiano”.

Roberto Tundo – coordinatore dei Circoli della nuova Italia -  ricorda la grande vivacità nel Salento del gruppo di dirigenti che a Rauti facevano capo: “La corrente rautiana, dalla prima metà degli anni ’70 fino alla svolta di Fiuggi in provincia di Lecce è stata sempre molto radicata nel territorio. Non ha mai vinto un congresso provinciale del Msi, ma è stata sempre la protagonista di tutti i confronti interni al mondo missino. A differenza dell’immagine di duri e puri, riservata ai militanti rautiani, proprio con Pino Rauti la destra missina si sforzò di andare oltre il nostalgismo per intraprendere un percorso politico-culturale di grande respiro”.

“Sono sinceramente vicino a Isabella e ai suoi familiari per la morte di Pino Rauti – commenta Alfredo Mantovano, un uomo che ha pagato un prezzo sempre troppo elevato per la coerenza e il coraggio con cui ha sostenuto le sue idee. Nel costante distacco da ragioni di convenienza, nella passione per ideali che - condivisibili o non condivisibili - hanno orientato la sua azione, nella certezza che nessuna iniziativa politica ha senso in mancanza di una solida base culturale ci sono insegnamenti validi per oggi, ancora più che per i decenni nel corso dei quali egli ha speso le sue fatiche e le sue energie”.

“Si possono non condividere molte scelte del suo impegno politico – commenta il consigliere regionale del Pdl, Saverio Congedo - ma non si può non rendere omaggio ad un italiano che sfidando l’emarginazione e senza comode abiure ha tenuto viva la testimonianza di un’altra Italia”.

Infine, la riflessione di Antonio Verardi, segretario territoriale dell’Ugl: “Condivisibile o meno, con lui il dibattito all’interno della destra italiana fu inevitabile, nel pieno spirito di un uomo libero, libero a tal punto da mettere in discussione  tutto, senza paura di perdere nulla, specie una poltrona. Oggi, che la destra italiana è orfana di riferimenti,  di strutture partitiche condivisibili, la Sua dipartita sembra quasi un monito ad avere il coraggio e la forza di ritrovare il punto di incontro sui  valori cardini. Senza più compromessi, condizionamenti, assoggettamenti, nella piena indipendenza delle idee, che uomini come Pino Rauti, non hanno mai barattato”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E’ morto Pino Rauti, voce in dissenso del Msi. Il cordoglio della destra salentina

LeccePrima è in caricamento