Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Più mare che "tuffo" alle urne. Sel invita riflessioni

Nella città bella meno della metà (46,09%) degli aventi diritto ha votato per i quatto quesiti referendari. Monito di Demitri: "Cittadini stanchi e lontani dai politici. Ora la Sinistra s'interroghi"

Pompeo Demitri segretario cittadino di Sel

GALLIPOLI - Tra la giornata al mare e il voto per i quattro Referendum, a Gallipoli vince l'astensionismo. Una delle percentuali più basse di votanti in provincia che non scalfisce il plebiscito del "Si" che si attesta al 97.5%. Ma dei 17.434 aventi diritto al voto, meno della metà hanno espresso il loro consenso. Ovvero 8.042 pari al 46,09 in termini percentuali. Un dato in chiaroscuro sottolineato anche dal coordinatore cittadino di Sinistra, Ecologia e Libertà, Pompeo Demitri.

Che commenta: "Sono felicissimo per il risultato ottenuto a livello nazionale che ha determinato la vittoria referendaria, ma soprattutto una partecipazione popolare convinta e determinata. Il risultato conseguito è quello del popolo che può gioire di una vittoria democratica e per aver rovesciato la volontà del tiranno. E' andata in scena una rivoluzione pacifica e matura passata inesorabilmente dalle urne elettorali. Sono amareggiato invece" puntualizza Demitri, "per quanto avvenuto nella città di Gallipoli che con il dato del forte astensionismo, manifesta ancora una volta quanto sia chiaro, inequivocabile e politicamente preoccupante il distacco dei cittadini dalle istituzioni locali.


E' ormai chiaro e lapalissiano come i gallipolini abbiano ormai preso le distanze dalla politica arruffona e spregiudicata che ha caratterizzato il governo locale negli ultimi decenni, e il suo rifiuto ad andare a votare è da interpretare come un segnale di dura contrapposizione alla politica di corridoio e un monito agli affezionati dei palazzi. Ed ora è il caso" conclude, "che la Sinistra faccia una riflessione profonda e severa sul dato dall'allontanamento del popolo elettore dalle urne".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più mare che "tuffo" alle urne. Sel invita riflessioni

LeccePrima è in caricamento