rotate-mobile
Le idee per il rilancio

Poli Bortone nel centro storico: “Residenti e movida possono convivere”. E annuncia Cantiere Giovani

Il tour elettorale della candidata sindaco del centrodestra è proseguito con una tappa tra piazzetta Santa Chiara e il borgo antico. Ascoltate le esigenze di gestori dei locali e abitanti. Incontro anche con gli universitari

LECCE - Raggiungere, con un minimo di razionalità, quell'equilibrio da sempre auspicato tra i residenti e i lavoratori del centro storico, senza spegnere la movida, anzi restituendole vita. Questa la ricetta auspicata anche dalla candidata sindaco del centrodestra alle prossime elezioni comunali di Lecce, Adriana Poli Bortone, che sta proseguendo il suo tour elettorale tra quartieri cittadini e il centro storico.

Proprio nella giornata di ieri Poli Bortone ha incontrato residenti e commercianti del centro storico. E in piazzetta Santa Chiara, la candidata sindaco, non ha potuto fare a meno di aggiungere una riflessione a proposito della movida, annunciando inoltre anche l’istituzione, in caso di vittoria della sua coalizione, di un nuovo “Cantiere giovani”.

Questa mattina intanto il viaggio in città di Adriana Poli Bortone è proseguito tra piazza Partigiani e piazza Mazzini.

Focus sulla movida

“Era una gioia vedere tanti giovani animare le vie del centro storico” ha evidenziato Adriana Poli Bortone, “oggi invece quel flusso non c'è più ed era fondamentale per dare respiro alle attività commerciali della zona. Proveremo a ridare vita alla zona, con tante iniziative, soprattutto musicali”.

Attualmente i titolari dei pub e degli altri locali hanno espresso le loro difficoltà derivanti da un minore afflusso di persone, anche dalla provincia. La causa? Mancanza di parcheggi, divieti di accesso nella ztl e orari incongrui della stessa che andrebbero rivisti e ottimizzati. Problemi con i quali si trovano a fare i conti anche i residenti seppur in maniera diversa.

“Sono tutte situazioni che ritengo possano essere affrontate con un minimo di buon senso” ha commentato la candidata del centrodestra, “mettendo insieme la gente che da un lato vuole riposare e dall'altro gli operatori che lavorano. Sono certa che si possono contemperare le esigenze di tutti, con un minimo di razionalità”.

Il Cantiere dei giovani

Poli Bortone ha poi incontrato i giovani e gli universitari, sempre nel luogo simbolo della movida leccese, Piazzetta Santa Chiara, e con loro ha siglato un patto per il futuro, che passa per il cosiddetto “Cantiere giovani”.

“La città ha bisogno di studenti universitari, ma noi soffriamo perché le nostre opportunità sono ridotte a lumicino" ha detto Manuel Savina, dell'associazione Quarto Potere che ha aggiunto: “siamo in un certo senso marginalizzati in città. Vorremmo essere più coinvolti, più partecipi. Abbiamo bisogno di un assist tra istituzioni universitarie e amministrazione, tra amministrazione e giovani. E’ importante che ci sia un dialogo costruttivo".

“Lo faremo con quel Cantiere giovani che vogliamo mettere in piedi” ha replicato la candidata del centrodestra Adriana Poli Bortone.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poli Bortone nel centro storico: “Residenti e movida possono convivere”. E annuncia Cantiere Giovani

LeccePrima è in caricamento