"Balzello grattini, una misura che incide solo sulle tasche dei cittadini"

Dura la critica rivolta alla maggioranza di Palazzo Carafa sulla viabilità cittadina da parte del capogruppo consiliare del Pd Antonio Rotundo. "Il maggiore gettito - afferma -contribuirà solo alla Sgm a fare cassa"

LECCE – “Non  c’è  nessuna proposta di mobilità cittadina, né straccio di piano del traffico, neppure la più pallida idea per contrastare smog e inquinamento”. Dura la critica rivolta alla maggioranza di Palazzo Carafa sulla viabilità cittadina da parte del capogruppo consiliare del Pd Antonio Rotundo. 

Così, sulla scia di quanto affermato ieri da un altro consigliere di minoranza (Bene comune) Carlo Salvemini, il quale ha chiesto "perché aumentare, a secondo la zona della città - il costo del parcheggio del 7, del 15 e del 26 per cento se l'investimento in Sgm ha registrato un tasso di remunerazione del capitale versato pari al 21 per cento dal 2001 al 2011?”, Rotundo prende la palla al balzo per ricordare che “le stesse argomentazioni con cui ha cercato di  difendersi  oggi  Sgm confermano, se ve ne fosse bisogno, che il maggior gettito serve solo a fare cassa,  perchè è prevalente la  preoccupazione per i  bilanci  e meno, molto meno per i problemi della mobilità cittadina, che restano tuttora del tutto irrisolti”.

Rotundo ritorna allora su vecchi problemi, la verità, non ancora del tutto risolti: “Il centro storico – afferma in una nota - continua ad essere soffocato dalla valanga di auto provviste di pass tuttora validi mentre i nostri  amministratori sono solerti solo nel deliberare l’ ulteriore balzello sui grattini, perché di questo si tratta di una misura che non incide per nulla sulle criticità del traffico ma solo sulla tasche dei contribuenti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rincara la dose: “Hanno cominciato con l’abolizione dell’avviso bonario e con il raddoppio del costo degli abbonamenti degli autobus, hanno continuato con il taglio delle corse per oltre 400mila chilometri di percorenza, oggi  il trasporto pubblico in città è a carico della  sola Regione, mentre il filobus, che costa ai leccesi solo per la manutenzione circa mezzo milione di euro all’anno dopo essere costato 23 milioni per la sua realizzazione, ha sempre più le sembianze di un gigantesco monumento allo spreco , per non parlare del parcheggio ex Enel  - conclude - opera incompiuta dopo 10 anni ,  per finire con l’aumento del grattino dopo aver tentato di estendere le strisce blu oltre la vecchia circonvallazione tentativo fallito per le proteste dei cittadini”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Lecce usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento