Politica

Non si arresta a Porto Miggiano l'azione di protesta dei "Custodi della Baia"

I membri del comitato hanno incontrato il Prefetto Perrotta, consegnandole circa duemila firme raccolte tra cittadini e turisti che hanno a cuore il sito. Si chiede un confronto col magistrato per favorire il dissequestro

Porto Miggiano (SANTA CESAREA TERME) - Continua a Porto Miggiano l'azione di protesta da parte del comitato "Custodi della Baia" per ottenere il dissequestro dell'area. A seguito dell'incontro con il Prefetto di Lecce, Giuliana Perrotta, e il sindaco del Comune di Santa Cesarea Terme, i rappresentanti del comitato hanno consegnato circa duemila firme, risultato di un'azione di sensibilizzazione di cittadini e turisti che hanno a cuore la fruibilità della Baia di Porto Miggiano. 

Si è convenuto di chiedere un urgente incontro con il magistrato competente e si è colta l'occasione, inoltre, per illustrare al Prefetto il rischio che, nella prossima stagione estiva, Santa Cesarea Terme rimanga senza discese a mare pubbliche in virtù dei lavori di consolidamento della costa che l'amministrazione comunale sta per appaltare nelle località "Ciularo, Porto Vergine, Fontanelle".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non si arresta a Porto Miggiano l'azione di protesta dei "Custodi della Baia"

LeccePrima è in caricamento