rotate-mobile
Politica

La sinistra “Dem” di Cuperlo arriva anche nel Salento. In centinaia all’assemblea costitutiva

E' stato Giacomo Fronzi, referente provinciale dell'associazione nata nel solco democratico, a introdurre il discorso di questo pomeriggio, davanti a numerosi presenti ed esponenti politici locali. Sul palco anche Gianni Cuperlo, per indicare la via d'uscita attraverso nuovi "cantieri della sinistra"

LECCE –  “L’Eurozona è l’organo malato del mondo. L’Italia lo è dell’Eurozona”. Così, a schierarsi al capezzale di uno Stivale agonizzante, su partiti e movimenti ha cominciato a soffiare anche la corrente di Giani Cuperlo. Il quale, provenendo di Trieste, di raffiche e venti se ne intende. Si è svolta nel corso del pomeriggio, in una sala dell’Hotel Tiziano tanto gremita, da doverla cambiare per ospitare le circa 200 persone presenti l’assemblea costitutiva di SinistraDem.

Bissando un “battesimo” avvenuto lo scorso 4 ottobre a Bologna anche nel Salento. Il politico giuliano è stato uno dei tre “big” candidati nelle primarie del Pd del dicembre 2013, assieme al vincitore Matteo Renzi e a Giuseppe Civati. Oltre a Cuperlo, che in quella consultazione, ottenne il 18 per cento dei voti (ma dopo aver avuto un exploit il mese prima, con il 53 per cento delle preferenze nell'elezione dei delegati), erano presenti anche numerosi esponenti della sinistra locale. Come il referente locale di SinistraDem (nonché segretario del Pd di Trepuzzi), Giacomo Fronzi e, tra le poltrone,  anche  Sandro Frisullo, Sergio Blasi , Paola Povero ed Ernesto Abaterusso.foto6-4-5

Tra i politici che hanno assistito al discorso introduttivo del coordinatore provinciale, vi erano anche Umberto Uccella, Egidio Zacheo e Lorenzo Ria. Tra i grandi assenti, invece, Sandra Antonica e Michele Emiliano, che avevano precedentemente assicurato la loro presenza. La valorizzazione delle differenze “intestine”  della sinistra è stata zoomata durante la prefazione di Fronzi, che ha snocciolato oggetti di riflessione  e stimolato il dibattito futuro con termini tra cui “condivisione” e “legittimo riconoscimento”.  

Un vocabolario che costitutirà la cornice del rinnovamento di un partito che non dovrà più essere percepito come "corpo morto". Piuttosto racimolare, questo il messaggio, il rapporto con la base, in primis, per incentivare un restyling del partito. Ricostruendolo nella sua struttura. “Riaprire, insomma, il cantiere di una sinistra moderna”. Non è dato sapere in quanti forniranno questa sorta di manodopera salentina, ma certo è non ci sarà soltanto Lecce a ridisegnare la geografia della sinistra: faranno convogliare le forze, oltre ai comuni del Tacco, anche Manduria, Taranto e Grottaglie.

Cuperlo, sul palco assieme a Rita Quarta, si è tolto subito il sassolino dalla scarpa da subito, parlando di terrorismo e stragi. E di come l’efferato episodio avvenuto giorni addietro a Parigi altro non sia che un attacco mirato all’Illuminismo e alla ragione. Ma le violenze politiche che crucciano il padre di “SinistraDem”  sono anche altre, come quella della sproporzione e dell'uguaglianza: la contrapposizione tra la rilevanza penale di un reato come quello dell’evasione fiscale, e il suo disvalore sociale, tanto per cominciare. Una stortura che vorrebbe correggere tramite un decreto che andrebbe “ripulito” ed emanato subito.

Nell’indice dei temi affrontati anche quello (inevitabile) della successione di Giorgio Napolitano al Colle, con l’amarezza rivolta a quel 25per cento di produzione industriale in meno e a quei 30 punti percentuali in più che invece toccano le fasce povere della cittadinanza italiana. Di certo complesso sabotare un’economia in fase recessiva. Da un lato “immettere moneta come è stato fatto in America e Giappone non è possibile perché abbiamo la Banca centrale europea. Svalutarla neppure perché la moneta ce l’abbiamo unica”.

La soluzione? La terza via: quella di uso alternativo del bilancio pubblico: interventi urgenti per i tre pilastri ammalati della nazione. Occupazione, investimenti e produzione. Un grande “cantiere”, appunto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La sinistra “Dem” di Cuperlo arriva anche nel Salento. In centinaia all’assemblea costitutiva

LeccePrima è in caricamento