Prestito al giovane pachistano. A destra scoppia la lite, Noi con Salvini attacca

Il segretario cittadino del movimento critica curia e Comune per il sostegno al "profugo". Fratelli d'Italia replica: "Buona integrazione"

L'attività in via Birago.

LECCE – A poche ore dall’apertura in via Dalmazio Birago di un’attività commerciale che si occupa di servizi internet e telefonia da parte di un cittadino pachistano grazie al sostegno del “prestito della speranza” della Caritas diocesana, è polemica tra due forze della destra salentina.

Da una parte il movimento “Noi con Salvini” che con il suo segretario cittadino, Mario Spagnolo, critica aspramente l’operazione, dall’altra Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale che la difende come esempio di  buona integrazione. E’ stato infatti un esponente del partito di Giorgia Meloni, il responsabile regionale del Dipartimento Immigrazione e Integrazione, a garantire supporto all’iter procedurale.

Spagnolo attacca frontalmente: “Mentre in città decine di attività commerciali chiudono, intere zone cittadine subiscono la desertificazione commerciale, senza tetto muoiono nei casolari abbandonati e la Procura di Lecce indaga centinaia di persone per usura, segno evidente della difficoltà di accesso al credito per i leccesi, la Curia di Lecce - con il placet dell'Amministrazione Comunale e di molte forze politiche - finanzia l'apertura di una attività commerciale di un ‘profugo’ pakistano. Tale atto, aberrante ed ingiusto, è l'ennesimo provvedimento buonista e di facciata perpetrato a discapito dei leccesi e degli italiani. Ancora una volta assistiamo, attoniti, alla strafottenza che le istituzioni hanno nei confronti dei cittadini leccesi, delle loro necessità e dei loro reali bisogni”.

Il dirigente provinciale di Fdi-An, Giovanni De Luca, replica a stretto giro di posta: “Noi con Salvini, che a volte ragiona con le logiche del pregiudizio, ha probabilmente una scarsa informazione sull'iniziativa imprenditoriale di un cittadino straniero regolarmente soggiornante in Italia e quindi, non un ‘profugo’, che sicuramente è  giunto qui in cerca di un destino benevolo, ma oggi è, a tutti gli effetti, un individuo con precisi diritti e doveri che decide, per una giusta interlocuzione, di avere rapporti con le Istituzioni pubbliche di sicurezza e di cooperazione  e non intercetta, invece, interlocutori delinquenziali”.

Spagnolo però contesta anche il merito del finanziamento:  “Una attività commerciale che non solo non propone nulla di innovativo o positivo per la città ma che - l'esperienza leccese e nazionale ci insegna - ha ricadute tutt'altro che positive sul tessuto cittadino sia in termini ordine pubblico e decoro (si vedano le esperienze di via Duca degli Abruzzi, via Don Bosco, via Reale) che in termini di concorrenza (sleale) con i competitor italiani. Troppo spesso, infatti, questi negozi attuano pratiche commerciali scorrette (in termini di orario e di rispetto delle norme sul lavoro) e diventano il punto di ritrovo di sbandati Per non parlare poi del luogo ove verrà ubicata l'attività una zona di Lecce già vittima di degrado e che già subisce abbondantemente le storture di questa integrazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche su questo punto De Luca ha un punto di vista diametralmente opposto: “In realtà, il bazar erroneamente additato da Noi con Salvini, è  un'attività multiservizi quali internet e servizi di telefonia. E’  iscritta presso la Camera di commercio, ma soprattutto è  sottoposta al rischio d'impresa individuale, beneficiaria di un fido non a fondo perduto e da restituire con interessi bancari al quale, senza distinzione di sesso, religione e razza, possono accedere indistintamente gli aventi requisiti. Nulla di più”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • “Vai a casa mia e sposta tutto”. Ma vedono il messaggio e trovano la droga

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Colpo in testa e via con i soldi: portiere dell’hotel aggredito per rapina

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento