rotate-mobile
Verso le comunali del 2024

Primarie nel centrodestra? Pala insiste: “Risposte dai potenziali candidati entro fine mese”

Il consigliere di minoranza continua a battere il ferro sul tema del confronto interno. Se non avrà riscontri, ribadisce, è pronto a valutare tutte le alternative

LECCE – Il consigliere comunale Giorgio Pala lancia un avvertimento al centrodestra leccese, di cui è esponente sui banchi della minoranza consiliare.

“Il tempo delle parole si sta esaurendo – ha detto -. Se entro fine settembre non si esprimerà compiutamente sull’ipotesi di primarie, credo che sia naturale, da parte mia, valutare altre alternative”. E se non è un ultimatum, di certo è un invito molto accorato. Pala, infatti, è da tempo fortemente convinto che il centrodestra stia mancando, e abbia mancato dopo i risultati elettorali deludenti del 2017 e ancor più del 2019, l’occasione del rinnovamento della classe dirigente. Lui, che è il consigliere comunale più giovane, denuncia la persistenza di logiche legate a modelli di organizzazione e funzionamento dello schieramento ancorati a un circolo molto ristretto di decisori politici che fanno il bello e il cattivo tempo.

“Da otto mesi sollecito, invano e senza avere risposta, il centro-destra a ricorrere alle primarie per decidere il candidato sindaco a Lecce, soluzione che, paradossalmente, sarà adottata dal centro-sinistra. Qualcuno ha dimenticato che proprio le primarie consentirono nel 2012 a Paolo Perrone di rafforzare la coalizione e di stravincere a larghissima maggioranza. Riconosco al centro-sinistra e al sindaco uscente Carlo Salvemini la disponibilità al dialogo e al confronto che adesso latita nel centro-destra. Dei quattro nomi emersi negli ultimi mesi, finora solo Adriana Poli Bortone si è dichiarata disponibile ad accettare, e sarebbe opportuno che anche gli altri tre eventuali candidati (Ugo Lisi, Paolo Pagliaro e Giuseppe Tamborrino, ndr) si esprimessero in tal senso. Questa situazione stagnante è inaccettabile. Se entro fine settembre non ci sarà chiarezza su candidatura e primarie, prenderò le mie decisioni”.

Pala, sin dalle prime battute della sua esperienza in consiglio comunale, si è impegnato nel caratterizzare la sua attività di esponente della minoranza in maniera certamente critica nei confronti di molte scelte dell’amministrazione, ma rinunciando quasi sempre allo scontro frontale e, soprattutto, ad atteggiamenti di contrapposizione plateale come l’abbandono dell’aula.

Negli ultimi mesi, poi, ha iniziato a organizzare degli incontri con la cittadinanza per definire un’agenda politica molto concreta, abbastanza distante dalle polemiche di giornata. Come è evidente dalle sue stesse dichiarazioni, c’è all’orizzonte la possibilità di un percorso autonomo verso le elezioni di giugno 2024, nel solco, grosso modo, di quello che ha fatto nel 2017 Alessandro Delli Noci.

L'intervista di marzo: “Si punta sempre sui soliti”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie nel centrodestra? Pala insiste: “Risposte dai potenziali candidati entro fine mese”

LeccePrima è in caricamento