Mercoledì, 4 Agosto 2021
Politica

Bellanova vince il "derby rosa": è prima in un terzo dei comuni

È la deputata uscente la regina delle primarie congiunte Pd-Sel, conclusesi nel segno delle donne: per lei, successo in 30 realtà contro le 21 di Loredana Capone, che vince in due centri "renziani". Partecipazione in calo

LECCE – Il Salento nel segno delle donne. Il voto alle primarie congiunte Pd e SeL per i candidati al Parlamento italiano hanno dato un segnale forte “di genere” con la netta affermazione della deputata uscente Teresa Bellanova, della vicepresidente regionale, Loredana Capone, e di Sonia Pellizzari, dirigente nazionale dei vendoliani.

Dal punto di vista numerico, le “parlamentarie” hanno fatto registrare una flessione in termini di partecipazione rispetto agli appuntamenti del 25 novembre e del 2 dicembre: al voto, ieri, si sono presentati circa 20mila elettori contro i 33mila e i 26mila delle precedenti tappe. Ma era un “calo” calcolato, sia in virtù della terza consultazione in meno di un mese, sia per il periodo festivo, che forse poco conciliava con l’appuntamento elettorale, sia, probabilmente, per il minore appeal rispetto alla scelta di un leader.

Entrando nel cuore dei dati, invece, appare evidente che l’autentica “mattatrice” della partecipazione dal basso è stata la componente della Commissione lavoro, Teresa Bellanova, una figura che ha incarnato, nella percezione dei più, il sano mix di esperienza, preparazione e presenza sul territorio: i numeri elettorali parlano chiaro e premiano il coraggio di un personaggio (il cui impegno politico appare notorio), che non ha cercato “scorciatoie” per tentare una conferma nell’assise parlamentare.

Nel confronto a distanza con la “big” in campo, la numero due di Viale Capruzzi, Loredana Capone, Bellanova ha avuto la meglio, aggiudicandosi in termini di voti la partita. E ha anche vinto lo scontro sui comuni, affermandosi in 30 realtà, tra cui alcune piuttosto significative come Casarano, Cavallino, Gallipoli, Maglie, Otranto, Sternatia e Zollino, contro le 21 della vicepresidente regionale, che si aggiudica, tra i grossi centri, Campi, Copertino, Matino, Taurisano, Taviano, Tricase e soprattutto il capoluogo, Lecce. Loredana Capone sbanca anche in due comuni di area “renziana” come Cursi, paese natio di Antonio Rotundo, e a Racale.bellanova2012 001-2-2-2

Tra gli altri candidati la sorpresa è Sandra Antonica, ex sindaco di Galatina, che, nel proprio comune d’origine, ottiene un plebiscito con 325 voti su 492, ma che ottiene successi in altre nove realtà come Aradeo, Caprarica, Corigliano d’Otranto, Martignano, Monteroni, Neviano, Seclì, Sogliano Cavour, Soleto. Il segretario provinciale del Pd, Salvatore Capone, che ha raccolto il miglior risultato tra gli uomini, vince a mani basse nella sua San Cesario e si aggiudica la battaglia in altri dieci comuni (Collepasso, Cutrofiano, Diso, Lequile, Montesano, Morciano, Poggiardo, San Pietro in Lama, Scorrano, Trepuzzi).

Singolare il caso di Patù dove i 549 votanti hanno tutti espresso la preferenza per il ticket Federico Massa-Loredana Capone, con il primo, che riesce a vincere anche a Castrignano del Capo, ottenendo un buon risultato a Nardò e Sternatia. Il renziano Paolo Foresio vince in due comuni, Castrignano dei Greci e Martano (che si conferma la realtà più vicina al sindaco di Firenze), ottenendo, però, ottimi riscontri nel capoluogo salentino, dove è l’uomo più suffragato, ad Otranto e Racale.

Per l’ex parlamentare Cosimo Casilli vittoria netta nella sua Galatone (491 preferenze su 519 voti espressi) e successi ad Alliste e Nardò. Per il consigliere provinciale Cosimo Durante, plebiscito in casa, a Leverano (436 preferenze su 531 voti), vittorie a Novoli, Squinzano, Supersano, e ottimo risultato a Zollino. Pierluigi Bianco vince nella sua Surbo, a Parabita e a Sannicola. Per Maria Teresa Bardoscia, significativo il risultato di Trepuzzi. Per gli altri concorrenti, esiti da valutare.

Sul fronte di Sinistra Ecologia e Libertà, dove il voto è su scala regionale, Dario Stefàno e Sonia Pellizzari hanno fatto propria la partita, anche se nella somma totale con le altre realtà provinciali, è soprattutto il primo ad avere maggiori certezze.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bellanova vince il "derby rosa": è prima in un terzo dei comuni

LeccePrima è in caricamento