Politica

Festa dei lavoratori, dipendenti Ex Bat: “Dopo cinque anni solo belle parole”

Il Comitato spontaneo dei dipendenti celebra il Primo maggio attraverso una nota amara, che cita le parole di Sandro Pertini

Una delle proteste dei lavoratori

LECCE - “Io credo nel popolo italiano. E’ un popolo generoso, laborioso, non chiede che lavoro, una casa e di poter curare la salute dei suoi cari. Non chiede quindi il paradiso in terra. Chiede quello che dovrebbe avere ogni popolo“. E’ con una citazione di Sandro Pertini, presidente della Repubblica italiana fino agli anni Ottanta che il Comitato spontaneo dei lavoratori Bat di Lecce celebra la Festa del Primo maggio.

“Vogliamo ricordare alla politica, alle istituzioni cosa deve essere uno Stato, quali i suoi doveri e quali i diritti costituzionali dei suoi cittadini… In cinque anni ne abbiamo sentite di belle parole, ne abbiamo visti di politici  che si sono schierati al nostro fianco e poi si sono dileguati, quanti promettevano e poi puntualmente non mantenevano”, denuncia il gruppo di ex lavoratori, coinvolti in numerose proteste e cortei che hanno paralizzato le strade cittadine ma, via via anche le loro speranze.

Proseguono poi: “In cinque anni abbiamo visto quanto il potere delle multinazionali può nel controllo della politica e dei media, come l’interesse di una multinazionale è più importante della vita e del lavoro di 400 lavoratori, come la poi tanto decantata responsabilità sociale sia soltanto una chimera. In questo giorno di festa, di diritti, noi ribadiamo il diritto al nostro lavoro, a quel lavoro che con sotterfugi, intrighi di potere e interessi economici ci è stato scippato…quel lavoro che tanti lavoratori e tante famiglie salentine aspettano per vivere dignitosamente la loro vita…”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa dei lavoratori, dipendenti Ex Bat: “Dopo cinque anni solo belle parole”

LeccePrima è in caricamento