Politica

Minori stranieri non accompagnati: il progetto di Arci finanziato dal Fami

Si chiama "Samià Yusuf Omar", nel ricordo dell'atleta somala che quattro anni dopo le Olimpiadi di Pechino è annegata nei pressi di Lampedusa

LECCE – Si chiama "Samià Yusuf Omar" il progetto di Arci Lecce finanziato dal fondo Asilo, migrazione e integrazione del ministero dell’Interno. Il nome è quello dell’atleta somala che il 2 aprile del 2012, quattro anni dopo aver partecipato alle Olimpiadi di Pechino, è annegata al largo di Lampedusa nel tentativo di raggiungere le coste italiane.

L’iniziativa di accoglienza dedicata ai minori stranieri non accompagnati per il periodo 2016-2019 si articola in cinque strutture nelle province di Lecce, Brindisi e Taranto. Arci Lecce è capofila del progetto Fami presente nei comuni di Carpignano Salentino, Aradeo, San Pietro Vernotico, Brindisi e Laterza. I cinque centri sono gestiti in collaborazione con altri partner, in particolare le cooperative "Polvere di Stelle" ad Aradeo, Nuovi Orizzonti a Laterza e Incerchio a Brindisi.

I dati sui flussi migratori, per quanto riguarda i minori, sono indicativi del trend: sono passati da 4.209 nel 2011 a 15.540 nel 2017, con un picco di 25.846 nel 2016, provenienti principalmente da Eritrea, Egitto, Gambia, Somalia, Nigeria e Siria. L’età media è diminuita: secondo Save the children l’81 per cento dei minori non accompagnati presenti a fine 2016 nelle strutture di accoglienza aveva tra i 16 e i 18 anni, si è assistito infatti ad un aumento progressivo della presenza di pre-adolescenti e bambini nella fascia 0-14 anni, passati da 698 nel 2012 a 2.050 nel 2016".

escursione_Msna_Fami_Serrano-2Nelle strutture delle tre province sono 50 i minori accolti per un periodo fino a tre mesi e comunque fino a che il ministero non dispone il trasferimento in progetti di seconda accoglienza. I minori stranieri che si trovano in Italia hanno diritto a rimanere nel territorio nazionale ed essere protetti come ogni altro ragazzo o ragazza italiani, nel rispetto del loro "superiore interesse", così come previsto dalla Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del 1989.

Per tutta la durata dell’accoglienza è garantito supporto psicologico, assistenza sanitaria, ma anche percorsi ludici e ricreativi. Tra questi ci sono iniziative che tendono ad avvicinare i minori al contesto locale che li ospita come le escursioni per scoprire le bellezze naturali e storiche, il laboratorio di integrazione culinaria “Mondo in Pasta”, promosso all’interno dell’iniziativa di Arci Lecce “A tavola con noi”, per apprendere sul campo come realizzare la pasta fatta in casa e i tipici prodotti di pastificazione del territorio seguiti da maestranze locali, gli incontri con associazioni, scuole e amministrazioni del territorio: “L’accoglienza dei minori merita sempre più attenzione perché questi ragazzi che decidono di rimanere in Italia è bene che abbiano la percezione reale di un’accoglienza fatta con il cuore” ha commentato Anna Caputo, presidente di Arci Lecce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minori stranieri non accompagnati: il progetto di Arci finanziato dal Fami

LeccePrima è in caricamento