Politica

Pronto soccorso in affanno, a rischio l'assistenza: Uil punta i piedi

Il sindacalista Riso mette sotto accusa i vertici della sanità: "Il personale è insufficiente negli ospedali della Asl e la qualità del servizio ne risente"

LECCE - Il Pronto soccorso del Vito Fazzi di Lecce torna nell'occhio del ciclone. Ad accendere un riflettore sui problemi dell'ospedale leccese questa volta è stata la Funzione pubblica della Uil.

Il segretario Mario Riso, in particolare, ha lanciato l'allarme sulle dure condizioni di lavoro del personale, "stressato dalle condizioni di sottorganico e da turni massacranti e disagevoli", da cui dipende la tenuta dei livelli minimi di assistenza garantita ai pazienti. 

Il sindacalista si è rivolto direttamente al governatore della Puglia, Michele Emiliano e al direttore della Asl leccese, Silvana Melli, lamentando "scarse condizioni di sicurezza nei Pronto soccorso degli ospedali della provincia" e chiedendo ai vertici della sanità l’adeguamento degli organici.

Questo il contenuto della lettera-denuncia, riportato dal periodico Salutesalento: "Interminabili sono le attese di pazienti e dei loro familiari, talvolta ammassati nei Pronto soccorso degli ospedali dell’Asl di Lecce privi di adeguate sale di attesa e astanterie".

E ancora: "A causa della grave carenza di personale, gli operatori, che pur dimostrano abnegazione e professionalità, non riescono ad erogare al meglio il servizio. Tale situazione è destinata ad aggravarsi con l’arrivo della stagione estiva a causa del notevole incremento della popolazione ingenerato dall’afflusso crescente dei turisti, ma anche per la necessità di garantire il godimento delle ferie a medici, infermieri e Oss e soprattutto legato alla chiusura di alcuni presidi ospedalieri forniti dei punti di Pronto soccorso".

"Pertanto chiediamo al presidente ed assessore Emiliano ed al direttore generale Melli se sono a conoscenza della persistente e grave situazione di disagio nei Pronto soccorso della Asl di Lecce, dove, in mancanza di personale non è possibile garantire i livelli minimi di assistenza e si mette a rischio la sicurezza dei lavoratori e degli stessi pazienti", prosegue il sindacalista.

La sua proposta è quella di rendere "operativi" i Pronto soccorso che vivono situazioni estremamente critiche, prima che si verifichino ulteriori e gravi disservizi. "La progressiva e ormai cronica riduzione di risorse umane, tecnologiche e finanziarie – conclude Riso - ha pregiudicato gravemente l’efficienza del servizio dei Pronto soccorsi, sui quali inevitabilmente incidono anche le decisioni assunte nella rimodulazione del piano di riordino ospedaliero regionale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pronto soccorso in affanno, a rischio l'assistenza: Uil punta i piedi

LeccePrima è in caricamento