menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva.

Il sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva.

Provinciali, Minerva verso l'investitura. Andare Oltre si smarca dal tavolo

Nel centrosinistra si fa strada la candidatura del sindaco di Gallipoli. Il movimento di Pippi Mellone abbandona le trattative del centrodestra

LECCE - Due riunioni fiume in contemporanea: così i leader del centrodestra e del centrosinistra si sono rinchiusi questo pomeriggio nei rispettivi quartier generali per tirare fuori dal cilindro il nome del futuro presidente della Provincia di Lecce. E se nel centrosinistra prende quota la candidatura del sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva, seppur con le "prescrizioni" di Sinistra Italiana che dice no a coalizioni troppo allargate, sul modello regionale, nel centrodestra si registra lo smarcamento di Andare Oltre che abbandona il tavolo delle trattative.

Azzerate le candidature su cui si sono spesi i pronostici nell’ultimo mese, e principalmente quella di Gianni Marra, sindaco di Squinzano e Pippi Mellone, leader proprio di Andare Oltre e primo cittadino di Nardò, la coalizione guidata da Direzione Italia ha scelto di ripartire da zero ma l'esito appare ancora lontano. In queste ore, tra l'altro, ha voluto mettere le mani avanti anche Alessandro Quarta, già sindaco di San Donato di Lecce: "Ho appreso da fonti di stampa di una mia possibile candidatura per la presidenza dell’ente di Palazzo dei Celestini come soluzione civica per rappresentare un punto di equilibrio tra le forze in campo di centrodestra e centrosinistra – ha spiegato -. Ringraziando per la stima e la fiducia per aver pensato alla mia figura, sottolineo di non aver ricevuto nessuna proposta ufficiale o dato, al momento, disponibilità alcuna visto il mio impegno amministrativo".

Centrodestra: Andare Oltre lascia il tavolo

Esclusa quindi una convergenza dei due schieramenti su un nome di sintesi – opzione difficile – i vertici provinciali di Direzione Italia, guidati dal coordinatore Antonio Gabellone (già presidente uscente), si sono rimessi al lavoro per trovare la quadra del cerchio, ma l'esito non pare essere stato dei migliori. Al termine della riunione fissata per oggi pomeriggio, però, è arrivata la rottura del movimento Andare Oltre che proprio a Mellone fa capo: "Dopo l'ennesima riunione senza la capacità di trovare un candidato unico per il Centrodestra - ha scritto il coordinatore provinciale Giancarlo Erroi - Andare Oltre ha abbandonato il tavolo della trattativa per le provinciali.  Il movimento aveva portato sul tavolo tre nomi, quello del sindaco Pippi Mellone e quello di due consiglieri provinciali in carica, che ricoprono la carica di sindaco: quello di Massimo Martella (Lega) e quello di Guido Stefanelli (Direzione Italia). Data l'evidente incapacità del centrodestra di individuare un nome rappresentativo e in grado di vincere, il movimento Andare Oltre ringrazia Fratelli d'Italia e Area Popolare che dal primo giorno hanno portato sul tavolo la candidatura di Pippi Mellone. Il movimento, una volta ufficializzate le candidature, deciderà chi sostenere, sentiti tutti gli amministratori, i dirigenti e i militanti".

Centrosinistra: Minerva prende quota

In via Tasso, sede del Pd, il quadro appare da oggi meno compelsso: un candidato c’è, ed è dato per vincente: Stefano Minerva, primo cittadino di Gallipoli. La sua candidatura alle elezioni del 31 ottobre potrebbe essere ufficializzata a breve. Rispetto alla sua investitura si registrano solo i distinguo di Sinistra Italiana che nelle ore precedenti all'incontro aveva lanciato una sua proposta, quella di candidare  il sindaco di Melendugno, Marco Potì, pervicace oppositore del gasdotto Tap. Sinistra Italiana ha anche preannunciato le priorità del territorio da ribadire al tavolo del centrosinistra: trasporti efficienti; impegno a garantire i livelli occupazionali esistenti prima della legge Delrio; messa in sicurezza di strade e scuole, attraverso la razionalizzazione delle poche risorse a disposizione.

Con questo nome la delegazione di Sinistra Italiana si è seduta al tavolo convocato per il pomeriggio di oggi, registrando tuttavia l'indicazione unanime per Minerva: "Registriamo la condivisione di tutti i convenuti sul nome del sindaco di Gallipoli  Stefano Minerva." Nessuna avversione nei confronti dell'uomo e dell'amministratore - ha dichiarato il segretario provinciale Danilo Scorrano -. Ma non ci sono chiari i confini della coalizione. Se dovessero esserci ultetiori allargamenti, modello regione Puglia (Puglia popolare) per intenderci, Sinistra Italiana non sarà della partita. Abbiamo ancora messo in evidenza le differenze programmatiche e valoriali che negli ultimi anni in Provincia ci hanno visti alternativi a tali forze politiche. Ci riserviamo pertanto di seguire gli sviluppi futuri e decidere se ci saranno le confizioni per sostenere o meno Stefano Minerva".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento