Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

Rampino critica l’itinerario Otranto-Gallipoli: “Opera privata di organicità”

Il consigliere provinciale del Pd vede nel progetto approvato da Palazzo dei Celestini una "sommatoria di interventi invasivi della bellezza del luogo" e accusa Gabellone di non aver avuto rispetto dovuto per la "concertazione"

LECCE – Non si arrestano i mugugni e le critiche all’approvazione dell’itinerario Otranto-Gallipoli da parte della Provincia di Lecce, soprattutto nel tratto che ha come oggetto la tangenziale di Collepasso, a nord di Parabita. Dopo le polemiche di ieri, levatesi dai banchi dell’opposizione del Comune di Collepasso, oggi interviene il consigliere provinciale e segretario in pectore del Pd leccese, Alfonso Rampino, che sottolinea che “così come temuto” il progetto rischi di “perdere la sua organicità”.

Per l’esponente del Pd, infatti, la Otranto-Gallipoli potrebbe risultare come una “sommatoria di interventi locali frutto di scelte che, se pur legittime, appaiono non condivise dalla popolazione residente e sicuramente invasive rispetto alla bellezza dei luoghi”: “È il caso del progetto preliminare approvato il 29 maggio scorso dall'amministrazione provinciale – spiega nel dettaglio - avente ad oggetto la tangenziale di Collepasso, a nord di Parabita”.

Secondo Rampino, si tratta di un intervento che “intacca la bellezza delle Serre salentine e che pertanto ha posto non pochi dubbi nei cittadini dei comuni interessati, come è risultato da una affollata assemblea organizzata dal circolo Pd di Parabita”: “La preoccupazione, esplicitata chiaramente nella odierna commissione competente a Palazzo dei Celestini – prosegue -, riguarda da un lato lo scarso rispetto dimostrato dalla giunta Gabellone per i lavori delle commissioni, avendo già esplicitamente dichiarato di aver approvato il progetto prima che si concludesse l'attività di approfondimento delle stesse commissioni, dall'altro, il rischio che non si lasci alcuno spazio alla concertazione neanche per l'altro intervento da realizzare a sud di Parabita, in agro di Alezio, il cui progetto prevedrebbe la realizzazione di una circonvallazione in una piana di notevole pregio colturale”.

Proprio per queste motivazioni, il gruppo consiliare del Pd ha chiesto all'assessore Massimo Como, presente in commissione, di poter tenere conto se pur tardivamente di “eventuali osservazioni sul progetto già approvato”, come nel caso di quelle esplicitate dall'associazione Italia Nostra: “Allo stesso modo – conclude Rampino - è stato chiesto all'amministrazione comunale di Parabita di condividere con l'intera cittadinanza quanto potrà avvenire anche a sud del proprio territorio”.

 

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rampino critica l’itinerario Otranto-Gallipoli: “Opera privata di organicità”

LeccePrima è in caricamento