Sabato, 24 Luglio 2021
Politica

Reddito minimo garantito, Sel lancia la campagna nel Salento

Tre deleghe al governo su riordino della spesa assistenziale, ammortizzatori sociali e salario minimo garantito. Questo l'oggetto della legge di iniziativa popolare proposta. Servono cinquantamila firme entro il 6 dicembre

@TM News/Infophoto

 

LECCE – Anche nel Salento Sinistra ecologia e libertà lancia la campagna di firme per un legge di iniziativa popolare che istituisca il reddito minimo garantito . L’obiettivo è quello di superare entro il 6 dicembre 2012 le 50mila adesioni necessarie.

“Mentre la riforma Fornero – è scritto in un comunicato - tende a generalizzare la condizione di precarietà e la ministra ai tagli e alla disoccupazione di massa allude persino all’azzeramento delle tutele presso la pubblica amministrazione, il reddito minimo è un argine contro il lavoro nero, il lavoro sottopagato e la negazione delle professionalità e della formazione acquisita. Significa in buona sostanza non vendersi sul mercato del lavoro alle peggiori condizioni possibili. Da argine può diventare un paradigma”.

“Per questo il disegno di legge propone tre deleghe al governo sul riordino della spesa assistenziale, gli ammortizzatori sociali e l’istituzione del salario minimo garantito capace di determinare il compenso orario minimo applicabile a tutti i rapporti aventi ad oggetto una prestazione lavorativa. Il reddito minimo può essere un grimaldello con cui ridisegnare le politiche attive del lavoro, i processi formativi e la generalizzazione del welfare”.

L’appello lanciato da Sel è rivolto a tutti i cittadini, ma anche alle associazioni, ai comitati, ai movimenti spontanei. Chiunque voglia sostenere l’iniziativa troverà sul sito le informazioni e il materiale necessario.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reddito minimo garantito, Sel lancia la campagna nel Salento

LeccePrima è in caricamento