Sabato, 12 Giugno 2021
Politica Piazza Sant'Oronzo

Il referendum si avvicina: ombrelloni e materassini sull'ovale della piazza

Intanto la Regione prepara un ricorso a sostegno di quello del Codacons che chiede l'accorpamento alle elezioni amministrative di giugno

In piazza anche l'assessore Guido insieme ad Arci e ad altre associazioni.

LECCE - E' mancato il sole, per il resto c'era quasi tutto: rotoli di stoffa azzurra a simulare il moto ondoso, teli da mare stesi sul basolato dell'ovale come se fosse arenile, materassini, pinne e maschere, tutto a insolito corredo di un pomeriggio in piazza Sant'Oronzo per il flash mob organizzato in vista del referendum del 17 aprile

L'iniziativa, promossa da Arci e da altre associazioni, alla quale ha partecipato anche l'assessore all'Ambiente del Comune di Lecce, Andrea Guido, ha voluto sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza dell'abrogazione della norma che lega alla vita del giacimento la durata delle concessioni esistenti entro le dodici miglia per la ricerca degli idrocarburi.

Mancano dieci giorni allo svolgimento della consultazione e i promotori del referendum sono impegnati nel sollecitare la partecipazione: condizione essenziale per la validità è il superamento del quorum, tema sul quale il governo nazionale è sul banco degli imputati perché accusato di favorire l'astensionismo con esplicite prese di posizione dei suoi esponenti più in vista a partire dal premier, Matteo Renzi.

flashmob2-4Ci sono diversi ricorsi sul tavolo della magistratura amministrativa e tra questi quello del Codacons che in mattinata non ha lesinato critiche nei confronti di Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia che è tra gli enti in campo dal primo momento: "La battaglia di Emiliano - è scritto in una nota - sembra più televisiva e mediatica che concreta, volta ad ottenere facili consensi col minimo sforzo, Il presidente della Regione, infatti, da giorni si sta spendendo a parole per il sì al referendum, ma nei fatti dimostra assai meno determinazione. A differenza di altri enti locali, come ad esempio il Comune di Napoli, la Regione Puglia non ha appoggiato il ricorso Codacons promosso dinanzi al Tar del Lazio, volto ad ottenere l’accorpamento tra referendum ed elezioni amministrative, sul quale i giudici si pronunceranno il prossimo 13 aprile".

Emiliano, da parte sua, ha risposto sostenendo di non essere stato messo al corrente di questa iniziativa giudiziaria e di aver dato subito mandato all'ufficio legale di predisporre un ricorso ad adiuvandum rispetto a quello dell'associazione,

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il referendum si avvicina: ombrelloni e materassini sull'ovale della piazza

LeccePrima è in caricamento