Sabato, 19 Giugno 2021
Politica

Ambiti di raccolta inadempienti: la Regione vara il commissariamento

La giunta ha approvato la delibera proposta dall'assessore all'Ambiente. L'obiettivo è quello di interrompere il ciclo delle proroghe

La sede della giunta regionale.

BARI  - Nove ambiti di raccolta ottimale, di cui cinque della provincia di Lecce, sono stati commissariati dalla Regione Puglia. La relativa delibera è stata approvato in giunta su proposta dell’assessore alla Qualità dell’ambiente, Domenico Santorsola.

Toccherà quindi all’avvocato Gianfranco Grandaliano, che è già commissario dell’Agenzia regionale dei  rifiuti, traghettare gli ambiti verso le procedure definitive di affidamento del servizio di raccolta.

 “All’inizio di febbraio – ha spiegato l’assessore - avevamo notificato una diffida agli Aro al fine di acquisire informazioni e capire come poter offrire supporto per sciogliere i nodi che ancora ostacolano il perfezionamento dell’assetto previsto dalla legge del 2012. A causa dei ritardi maturati nell’avvio del servizio unitario, in qualche caso in virtù di contenziosi e problematiche nate tra gli enti locali e con i soggetti partecipanti alle gare, si è reso necessario un intervento.

Nel territorio salentino sono interessati gli Aro 3, 6,7,8 e 9. Il primo comprende i comuni di Arnesano, Carmiano, Copertino, Lequile, Leverano, Monteroni di Lecce, Porto Cesareo e Veglie; il secondo quelli Alezio, Aradeo, Collepasso, Galatone, Nardò, Neviano, Sannicola, Seclì, Tuglie;  il terzo coinvolge Andriano, Botrugno, Castro, Cutrofiano, Diso, Giuggianello, Giurdignano, Maglie, Minervino di Lecce, Muro Leccese, Nociglia, Ortelle, Otranto, Poggiardo, Sanarica, San Cassiano, Santa Cesarea Terme, Scorrano, Spongano, Supersano, Surano, Uggiano La Chiesa. L’Aro Lecce 8 include i territori di Alessano, Castrignano del Capo, Corsano, Gagliano del Capo, Morciano di Leuca, Patù, Salve, Tricase, Tiggiano mentre il 9 quelli di Casarano, Matino, Miggiano, Montesano Salentino, Parabita, Ruffano, Specchia.

“Al commissario ad acta – ha concluso Santorsola - la giunta ha affidato il ruolo di coordinare le attività per finalizzare l’affidamento definitivo dei servizi su base Aro, con tutti gli atti presupposti e conseguenti. L’obiettivo è quello, finalmente, di non avere più una regione a più velocità in tema di servizi di raccolta ma una omogeneità in termini di perfomance che ci permetta di migliorare i dati di differenziata e di  riorganizzare tutto il ciclo in linea con l’idea dell’economia circolare”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambiti di raccolta inadempienti: la Regione vara il commissariamento

LeccePrima è in caricamento