Dogre, revocato il licenziamento della dirigente. Pace fatta in Comune

Gli amministratori di Palazzo Carafa hanno incontrato i dirigenti della società ed i sindacati: assicurata collaborazione da parte dell'ente, l'azienda si impegna a ripristinare "un clima di serenità". I dipendenti rinunciano a proseguire nello sciopero

Palazzo Carafa.

LECCE – Lo sciopero ad oltranza, intrapreso dai dipendenti della Dogre srl il 21 febbraio, è stato ufficialmente sospeso. E già da domani mattina i lavoratori riprenderanno servizio nella società che si occupa di accertamento e riscossione dell’imposta sulla pubblicità, dei diritti sulle pubbliche affissioni e la tassa di occupazione degli spazi e aree pubbliche per conto del Comune di Lecce.

Nel pomeriggio, infatti, è pervenuto un impegno preciso da parte degli amministratori dell’azienda a revocare immediatamente il licenziamento già comunicato ad una dirigente, licenziamento che aveva acceso gli animi dei colleghi. Il casus belli della recente astensione dal lavoro è stato determinato, non a caso, proprio dal clima di forte tensione che si respirava in azienda. Aggravato da un episodio spiacevole che ha interessato proprio la lavoratrice, presunta vittima di un’aggressione verbale da parte dell’amministratore di Dogre, che le avrebbe provocato una crisi isterica ed una visita al Pronto Soccorso dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce.

L’incontro pomeridiano presso il Comune di Lecce che si è tenuto tra il sindacato Uiltucs Uil, gli amministratori dell’azienda, il sindaco Paolo Perrone, l’assessore al Bilancio Attilio Monosi e l’assessore alle Politiche ambientali Andrea Guido è servito, però, a diradare le nubi che si sono recentemente addensate sulla Dogre. L’impegno della società a ripristinare “un clima di serenità e mettere fine agli atteggiamenti intimidatori”, come raccontato dal segretario Uiltucs Piero Fioretti, contestualmente alla revoca del licenziamento, ha convinto i dipendenti a porre fine allo sciopero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

D’altra parte anche gli amministratori di Palazzo Carafa hanno assicurato la massima collaborazione per la risoluzione positiva di alcune problematiche e questioni rimaste in sospeso tra il Comune di Lecce e la Dogre. Né gli amministratori dell’ente né i responsabili della società hanno ritenuto opportuno entrare nel merito della questione, posta in termini solo generici, ma il verbale siglato tra le parti ha tutta l’aria di essere un lungo armistizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Giovane turista fa il bagno e sul fondale ritrova bacino in ceramica del XIV secolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento