Politica

Vendola vara il rimpasto di giunta, assessori da quattordici a dodici

Il governatore pugliese ha presentato il nuovo esecutivo, dimagrito nei numeri e mutato in alcuni volti: forte presenza di donne con Barbanente vicepresidente e Gentile alla sanità. Il commento: "Si è chiuso un ciclo politico"

Nichi Vendola

LECCE - Da quattordici a dodici assessori, per rilanciare un nuovo ciclo politico. Nichi Vendola vara l'atteso rimpasto di giunta ed avvia una "seconda fase" per la Regione Puglia nel suo secondo mandato amministrativo: la necessità di reimpostare l'esecutivo nasce dall'elezione di alcuni assessori nel prossimo Parlamento che si insedierà il 15 marzo.

Il governatore presentando la nuova squadra ha parlato di "ciclo politico chiuso" e di "contesto dentro cui ripensare l’organizzazione dei lavori del governo regionale”, chiarendo l'esigenza di rendere più efficace l’azione amministrativa. Vendola ha parlato di "rimpasto abbastanza corposo”, spiegando la riduzione del numero degli assessori e una parziale rimodulazione dei costi della politica. Importante la componente rosa dell'esecutivo, con sei donne su dodici assessori totali.

Questa la lista dei componenti: Angela Barbanente (vicepresidente, assessore alla qualità del Territorio con delega Assetto del Territorio, Beni Culturali, Politiche abitative, Urbanistica), Elena Gentile (Welfare, con delega alle Politiche di Benessere sociale e Pari Opportunità, Programmazione sociale ed integrazione socio-sanitaria, Programmazione Assistenza Territoriale e Prevenzione, Programmazione Assistenza Sanitaria e specialistica, Gestione accentrata e Finanza Sanitaria, Accreditamento e Promozione Sanitaria), Loredana Capone (Sviluppo economico)

E ancora: Leonardo Di Gioia (Bilancio, Contenzioso Amministrativo, Demanio e Patrimonio, Bilancio e Ragioneria, Finanze, Provveditorato ed Economato), Antonio Decaro (Infrastrutture e Mobilità con delega Reti e Infrastrutture per la mobilità, Verifiche e Controlli dei Servizi Tpl, Lavori Pubblici Infrastrutture e Trasporti), Guglielmo Minervini (Politiche Giovanili, Trasparenza e Legalità con delega alla cittadinanza sociale, Sport per tutti, Protezione Civile), Rosa Stanisci (Risorse Umane con delega al Personale e Organizzazione); Leo Caroli (Lavoro), Fabrizio Nardoni (Risorse Agroalimentari con delega Agricoltura, Alimentazione, Riforma Fondiaria, Caccia e pesca, Foreste), Alba Sasso (Formazione professionale), Silvia Godelli (Mediterraneo e cultura), Lorenzo Nicastro  (Ambiente).

Una squadra, chiamata secondo Vendola ad ingaggiare un corpo a corpo tra la politica e la povertà: "Avremo - ha dichiarato - un atteggiamento di collaborazione positiva con tutte le forze politiche. Mio auspicio è che base consiliare dell'attuale maggioranza possa allargarsi". Il presidente ha, infatti, puntualizzato come uno degli elementi negativi siano stati finora i numeri risicati. Vendola ha poi ringraziato gli uscenti, ossia Nicola Fratoianni, Michele Pelillo, Dario Stefano, Ettore Attolini, Marida Dentamaro, Fabiano Amati e Maria Campese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendola vara il rimpasto di giunta, assessori da quattordici a dodici

LeccePrima è in caricamento