Russi prende la distanze da Marti: "Guardo avanti, senza essere marionetta"

Nel 2017 è stato il secondo tra gli eletti della lista che fa riferimento al senatore leghista: "Di quel progetto civico non vi è più traccia"

Alberto Russi a Palazzo Carafa.

LECCE – È stato il secondo in termini di preferenze nella lista Grande Lecce, con 483 voti validi. Ma a meno di due anni da quella legittimazione che lo portò in consiglio comunale, nei banchi dell’opposizione, Alberto Russi si congeda da un progetto civico “di cui non vi è più traccia”.

“Molte cose – ha scritto in un post - sono cambiate così come sono cambiate le persone: io stesso sono cambiato. Ciò che non è mutato, tuttavia, è il mio modo di intendere la politica, basato sul sapersi dare delle regole, anche organizzative. La squadra, l’organizzazione, il rispetto sono capisaldi del mio concepire la politica, scevra da personalismi, individualismi e giochetti inutili spesso anche dannosi. Saluto, congedandomi da loro, i miei colleghi consiglieri del centrodestra leccese, ringraziandoli per aver condiviso un percorso comunque difficile. Ora guardo al futuro, senza perdere di vista quelli che sono i miei canoni basilari del fare politica, senza essere marionetta o burattino di qualcuno, ma conservando autonomia di pensiero e custodendo gelosamente la mia storia, formazione ed educazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alberto Russi è rimasto tra i  banchi dell’opposizione anche quando gli altri tre eletti di Grande Lecce – Antonio Finamore, Paola Gigante e Laura Calò – hanno deciso di costituire un gruppo autonomo, Prima Lecce, per sostenere l’amministrazione comunale “azzoppata” dalla sentenza del Consiglio di Stato sul premio di maggioranza. Era a lui che si faceva dunque riferimento quando –ed  è accaduto a più riprese – sembrava imminente la nascita del un gruppo consiliare della Lega. Con tutti gli altri esponenti del centrodestra, compresi i tre, ha infine firmato davanti al notaio per decretare lo scioglimento della consiliatura, il 7 gennaio scorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento