Politica

App, call center, info point, ma biglietti più cari: tre mesi con "SalentoinBus"

Dal 15 giugno al 15 settembre lungo nove direttrici principali e 18 secondarie. Ripristinati alcuni servizi che erano stati dismessi lo scorso anno per mancanza di fondi

LECCE – “SalentoinBus” parte domani, 15 giugno, lungo nove direttrici principali verso le principali località turistiche e 18 secondarie, ma il numero della corse sarà modulato tenendo presente la suddivisione in bassa stagione (dal 18 al 30 giugno e dall’1 al 15 settembre), media stagione (dall’1 luglio al 29 luglio e dal 22 al 31 agosto), alta stagione (dal 30 luglio al 21 agosto).

La diversificazione è stata predisposta sulla base dei flussi di utilizzo degli scorsi anni, per ottimizzare le risorse a disposizione che sono quelle garantite dalla Regione Puglia nell’ambito del finanziamento dei servizi minimi. Altri fondi erano stati richiesti per l’approntamento di pensiline, panchine e bagni chimici.

Per far fronte alla necessità di garantire un sistema di collegamenti dignitoso e in grado di soddisfare la domanda sempre crescente di trasporto pubblico, è stato quindi deciso un aumento del costo dei biglietti di circa il 20 per cento in più, mentre i Comuni interessati partecipano con un proprio contributo.

“Abbiamo notevolmente migliorato le tratte con maggiore richiesta - ha dichiarato in conferenza stampa il presidente della Provincia, Antonio Gabellone - e abbiamo creato una app per tutte le informazioni. Siamo convinti, infatti, che uno degli elementi fondamentali per lo sviluppo del territorio sia nella possibilità di corredare i servizi per il turismo con la mobilità.  Le aziende di trasporto sono state fondamentali e di questa collaborazione dobbiamo ringraziarle. Se il progetto è stato realizzato è perché abbiamo fatto rete, creando una sinergia anche con i Comuni”.

Sarà garantito anche il collegamento notturno, nei fine settimana di luglio e agosto, con alcune discoteche: “Le morti del sabato sera - ha proseguito Gabellone - sono una ferita drammatica che il territorio porta sulla propria pelle. Discoinbus è una risposta in questo senso perché mette in sicurezza gli spostamenti dei nostri ragazzi. Anche qui è stato fondamentale la collaborazione con Parco Gondar e Praja sul fronte ionico. Stiamo recuperando sulla fascia adriatica per mettere tutto a sistema. Per i tempi che corrono credo sia stato un miracolo, un bell’obiettivo raggiunto”.

Il consigliere delegato, Renato Stabile, ha ricordato che è stato migliorato l’aspetto relativo alla comunicazione (lo scorso anno era il suo numero personale quello di contatto) ripristinando alcuni servizi che erano stati messi da parte per tagliare sui costi: il call center (dalle 7 alle 22.30 ai numeri 345 0101095 e 392 9323840) e gli info point, attivi a Lecce presso il City Terminal dell’ex Foro Boario e presso la Camera di Commercio (dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 16 alle 20).

I biglietti possono essere acquistati anche on line, sia sul sito dedicato che utilizzano la relativa applicazione disponibile per smartphone. E’ stata aperta una casella di posta per le segnalazioni e le richieste salentoinbus@provincia.le.it

Scarica l' OPUSCOLO_SALENTOINBUS2016

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

App, call center, info point, ma biglietti più cari: tre mesi con "SalentoinBus"

LeccePrima è in caricamento