Salento riparte a vele spiegate: la soddisfazione dei comuni premiati

Da una costa all'altra, i commenti dei sindaci che vedono nel riconoscimento ottenuto anche quest'anno uno stimolo per ripartire dopo il lockdown

Il mare di Otranto.

LECCE - Da un versante all'altro della penisola leccese spira un vento di soddifazione. La conferma delle cinque vele - cioè il riconoscimento massimo del Touring Club Italiano e di Legambiente - ai comprensori dell'Alto Salento Ionico e dell'Alto Salento Adriatico, è motivo di soddisfazione per le amministrazioni interessate e anche di stimolo verso un rilancio non facile dopo il lockdown per l'emergenza sanitaria. 

Pierpaolo Cariddi, sindaco di Otranto, ha così commentato la notizia: "Abbiamo già detto che avremmo puntato per raggiungere meglio questi obiettivi sulla mobilità sostenibile, ebbene arrivano i primi risultati: ci siamo dotati di un piano della mobilità ciclabile; abbiamo ottenuto da poco un finanziamento per realizzare la prima dorsale di pista ciclabile in sede propria (Otranto-Alimini) – zona nord; abbiamo elaborato un progetto esecutivo che candidiamo in un bando nazionale per la seconda dorsale di pista ciclabile in sede propria (Otranto-Porto Badisco) – zona sud”.

Non nasconde il suo orgoglio Marco Potì, sindaco di Melendugno: “Insieme a Otranto, riuniamo le Bandiere Blu, quest’anno riconsegnate anche alle marine di Melendugno, e la Bandiera Verde dei Pediatri Italiani. Siamo tra i dieci comprensori più importanti d’Italia e in una stagione così particolare per il turismo questo è un motivo in più per fare bene e continuare a puntare sul turismo e l’ambiente nel modo giusto”.

Dalla sponda ionica le parole di Salvatore Albano, primo cittadino di Porto Cesareo (nella foto, sotto): "Bandiera Verde e 5 Vele sono dei premi ambiti che dimostrano che la strada tracciata in questi anni è quella giusta. Questo ci darà lo stimolo per perseguire nuovi obiettivi che migliorino lo stato del nostro territorio,  la vita dei nostri concittadini e di chi vorrà trascorrere un periodo di vacanza con noi".

Sulla stessa lunghezza d'onda Pippi Mellone, sindaco di Nardò: “È un premio al lavoro corale del territorio e agli sforzi di chi amministra e dei cittadini. Un riconoscimento che dimostra per l’ennesima volta in che meraviglioso contesto abbiamo la fortuna di vivere e che può dare rinnovato impulso al settore turistico, che come dappertutto in Italia e in Europa fa i conti in quest’estate con gli effetti della pandemia. Determinanti i recuperi delle torri costiere, il grande senso civico dei neretini che fanno registrare percentuali altissime di raccolta differenziata, la scelta strategica sulle piste ciclabili”.

IMG-20200610-WA0051-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si scontra con un'auto e vola dalla bici, grave un 11enne

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • In acqua per fare snorkeling, annega mamma 44enne in vacanza

  • Auto reimmatricolate in Italia con documenti falsi: un salentino nei guai

  • Malore mentre si trova in acqua: riportato a riva, ma ormai senza vita

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

Torna su
LeccePrima è in caricamento